Il mese della mobilità dolce: alla ricerca delle ferrovie “non” dimenticate

Dal 6 marzo al 6 aprile, il mese della Mobilità dolce: da non perdere le ferrovie dimenticate

Il Co.Mo.Do (Comitato per la Mobilità Dolce) è riuscito nell’intento di rendere reale il Mese della Mobilità Dolce, che si aprirà il giorno 6 marzo: fino al 6 aprile tantissimi gli appuntamenti lungo tutta la penisola italiana. Tra le occasioni più interessanti, proprio domenica 6 Marzo si terrà la giornata delle Ferrovie “non” dimenticate.

Il “non” è stato aggiunto quest’anno, grazie al fatto che le piccole ferrovie di provincia sono state riscoperte da moltissimi viaggiatori negli ultimi anni. È infatti questo il nono anno in cui si tiene questa importante manifestazione, che finalmente potrà durante un intero mese. Il comitato lavora da oltre 10 anni per far riscoprire agli italiani tutte le tratte ferroviarie storiche, in molti casi ormai dismesse ed abbandonate.

Il 6 marzo aprirà le danze il viaggio in treno lungo la tratta Sulmona-Carpinone, organizzato dalla Fondazione FS e dall’Associazione LeRotaie Molise, che continuerà a proporre viaggi storici durante tutti i giorni della manifestazione. Il 10 marzo si terrà a Roma il convegno Sul binario giusto: esperienze e regole per promuovere la mobilità dolce nel paesaggio italiano.

Sono oltre 6000 i chilometri di ferrovie dismesse o sottoutilizzate sul territorio della nostra penisola, possono tornare a vivere grazie a queste rievocazioni storiche, ma è importante che queste vie di comunicazione, un tempo importanti, tornino a far parte del territorio. Non è necessario muovere un treno lungo una via ferrata per rendere noto a tutti che questa esiste.

Sono infatti molte le occasioni in cui le vecchie ferrovie sono state del tutto smantellate, per dare vita ad aree verdi o a interessanti piste ciclabili, per tornare ad essere nuovamente frequentate da tantissimi “viaggiatori” ogni giorno dell’anno.

L’Associazione Ferrovie in Calabria ha organizzato un altro convegno, intitolato “Il Treno Verde della Sila”, che si terrà a Cosenza; negli anni passati questa associazione ha permesso di valorizzare la Ferrovia Silana, una tratta molto interessante anche per il turismo ecologico.

Il 4 Aprile partirà da Palermo la Maratona Ferroviaria del Comitato per la Mobilità Dolce, che farà tappa in molte città del Mezzogiorno, particolarmente interessate dalle problematiche legate alle reti ferroviarie: i servizi ferroviari nel sud d’Italia sono in condizioni decisamente preoccupanti, nonostante il fatto le linee ferroviarie già esistenti, ma sotto utilizzate, potrebbero rappresentare un importante mezzo di sviluppo del turismo.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il mese della mobilità dolce: alla ricerca delle ferrovie “non&...