A Zurigo per un weekend low cost

Dai musei ai monumenti, dal centro storico alle biciclette, la città più giovane della Svizzera da visitare con pochi euro in tasca, approfittando di tutte le attrazioni gratuite

Non tutti sanno che Zurigo è la capitale della movida svizzera. E’ una città piena di giovani e, per loro, esistono tantissimi divertimenti e iniziative culturali a buon mercato, molte delle quali completamente gratuite. Ecco perché trascorrere un weekend a Zurigo può essere una valida alternativa alle classiche capitali europee.
Se non volete chiudervi nei musei, è piacevole passeggiare tra i vicoli del centro storico e scoprire i piccoli negozi e le tante cioccolaterie. Sulla Augustinergasse, la stradina degli artigiani, nel quartiere Schipfe, si affacciano antiche case con le tipiche finestre Erker, che una volta permettevano di sbirciare la gente che passava e tenere tutto sotto controllo. La città, affacciata sul lago e attraversata dal fiume Limmat, è splendida, soprattutto di sera. Le luci dei palazzi antichi, del Rindermarkt, con le suggestive luci delle lanterne a gas, del ponte Rudolf-Brun e della cattedrale si riflettono nelle acque e lo spettacolo è davvero suggestivo.
Per chi è appassionato d’arte, sono tante le attrattive che offre la città. Oltre cento le gallerie e i musei da visitare gratuitamente. E’ qui che hanno sede anche le famose case d’asta Christie’s e Sotheby’s e, se volete divertirvi, potete assistere a delle vere e proprie aste senza sborsare un euro (salvo che non vogliate portarvi a casa un quadro come souvenir). Inoltre, dal 15 ottobre al 30 gennaio 2011, al Kunsthaus si tiene una mostra unica di Pablo Picasso: 70 opere originali provenienti dalle collezioni internazionali più rinomate.

A Zurigo si può vivere l’arte non solo nei musei, ma anche a cielo aperto. La scultura Pavillion di Max Bill, nella Bahnohfstrasse, oppure la casa Heidi-Weber, l’ultima opera di Le Corbusier sul Lago di Zurigo, sono solo alcuni dei monumenti da vedere.
Da non perdere le famose vetrate di March Chagall nella chiesa di Fraumünster, che attirano turisti da tutto il mondo. Un altro punto d’interesse è la visita al posto di guardia della polizia municipale: in questo ufficio pubblico, Giacometti ha dipinto la volta e le pareti con i colori sgargianti della “Blüemlihalle” (sala dei fiori). Gratuita è anche la visita delle antiche terme romane nella Thermengasse, dietro il porto.
La Chiesa di S. Pietro è la più antica parrocchia di Zurigo. Sul suo campanile si trova il più grande orologio d’Europa (8,7 m di diametro). Dall’alto si gode di una vista mozzafiato sulla città. Se siete amanti dei panorami dall’alto, altri punti panoramici sono: il belvedere della Uetliberg (la montagna di Zurigo), il Lindenhof, la stazione doganale al tempo dei romani, in cima alla città vecchia, e la Freitag-Turm (la torre del venerdì) con la vista sul quartiere più trendy Zürich-West.
Nel XIV secolo e fino alla fine della rivoluzione francese le corporazioni salirono al potere a Zurigo. A testimonianza di questo periodo restano ancora le storiche case delle corporazioni, le cosiddette Zunfthäuser, assolutamente da non perdere.
Per muoversi velocemente e spendendo poco in città conviene procurarsi la Zürichcard che permette di viaggiare su tutti i mezzi pubblici (treni, traghetti e funivia compresi) e di usufruire di sconti un po’ ovunque, dai tour guidati (bellissimo quello notturno) fino ai ristoranti e i locali notturni. L’alternativa è girare in bicicletta: perché il servizio di noleggio Züri Rollt è gratuito.

A Zurigo per un weekend low cost