Visita a Patmos, Gerusalemme dell’Egeo

Conoscere il Monastero di San Giovanni, monumento indiscusso di Patmos

Patmos è una delle isole greche più belle del Mar Egeo. Appartenente all’arcipelago del Dodecaneso è conosciuta dai più per essere stata il luogo in cui San Giovanni Evangelista scrisse la famosa Apocalisse. Ecco il motivo per cui l’isola di Patmos è anche conosciuta con il nome di Gerusalemme dell’Egeo. Sebbene sia un’isola di piccole dimensioni (appena 35 kmq), Patmos è una vera e propria scoperta continua per tutti i turisti che vi si fermano. La caratterizzano, infatti, un imponente monastero dedicato a San Giovanni, bellissime spiagge, enormi possibilità di svago sia diurno che, specialmente, notturno.

Il Monastero di San Giovanni si trova sopra Chora, un bel borgo medievale contraddistinto da particolari case interamente di colore bianco. E’ un luogo da visitare nella maniera più assoluta a prescindere che si sia più o meno religiosi. La costruzione dell’edificio risale approssimativamente al 1700 e il suo scopo principale era quello di fungere da fortezza per la difesa dai frequenti attacchi dei pirati. Al suo interno di trovano una chiesa ed un museo. Poco lontano dal monastero si trova una caverna in cui si racconta che San Giovanni abbia avuto la sua visione. Da ammirare la crepa sul tetto. In corrispondenza di essa, infatti, è apparso Gesù.

Sempre a Chora si trova un altro monastero, noto con il particolare nome di Sorgente di Vita. Le visite a questo luogo sacro non sono ammesse tutto l’anno, per cui è sempre bene informarsi preventivamente sulla possibilità o meno di poterlo vedere da vicino. Il punto più alto dell’isola di Patmos si trova ad un’altitudine di 270 metri. Qui vi è un altro monastero, ovvero quello del Profeta Elia. Il panorama di cui si gode da questo punto particolare lascia senza fiato. Nelle giornate più limpide è perfino possibile intravedere le coste turche. La visita al monastero è possibile a patto che si sia abbigliati correttamente. Sia per gli uomini che per le donne, gambe e spalle devono essere assolutamente coperti.

Chora è una località adatta soprattutto per chi ama passeggiare a piedi. Districarsi lungo le sue stradine strette e labirintiche è senza dubbio un’esperienza che ben pochi luoghi possono offrire. A Patmos non mancano le spiagge (sono oltre 20) e, nella stagione estiva, è possibile fare il bagno in acque davvero cristalline. Per gli amanti del mare, insomma, Patmos è davvero un paradiso terrestre. Tra Chora e Skala anche gli amanti della vita notturna troveranno la possibilità di divertirsi al massimo, grazie ai locali che le caratterizzano.

Immagini: Depositphotos

Visita a Patmos, Gerusalemme dell’Egeo