Villasimius, regina della Sardegna del Sud

E' una delle località di villeggiatura più famose della Sardegna, conosciuta per le sue spiagge lunghissime e per le acque caraibiche

Che la natura sia la vera ricchezza di questa zona della Sardegna risulta chiaro non appena si arriva. Ed è il motivo per cui Villasimius ha voluto che il suo mare diventasse un’area marina protetta

La maggior parte dei villeggianti, però, sceglie Villasimius per le sue lunghe spiagge di candida sabbia bianca, affacciate su acque cristalline talmente trasparenti e dalle diverse sfumature da rivaleggiare tranquillamente con quelle del Mar dei Caraibi.

Le spiagge
Le principali spiagge di Villasimius, a partire dalla costa Sud (mediterranea) verso Est (tirrenica), sono: Porto sa ‘Ruxi, Piscadeddus, Campus, Cuccureddus, Campulongu, Spiaggia del Riso, Spiaggia del porticciolo, La Fortezza, Santo Stefano, Cala Caterina, Cala Burrone (adiacente a Capo Carbonara), Cava Usai, Porto Giunco, Notteri, Timi Ama, Simius (qui si assiste allo spettacolo dei pesci balestra che nuotano intorno ai bagnanti), Is Traias, Porto Luna, Manunzas, Giuanni Andria, Riu Trottu (rio tortuoso), Punta Molentis e Procceddus. In alcuni punti è necessario portare con sé un paio di infradito o di scarpe di gomma per via delle rocce. Un ottimo posto per fare snorkeling è il tratto che parte dalla spiaggia di Campulongu e che tocca la Spiaggia del Riso fino allo Scoglio della Balena. Due cale fuori dal tempo, belle e intatte, sono Punta Molentis e Punta Porceddus

Le escursioni
Se pensate che in Sardegna non ci sia nulla da vedere se non il mare e le spiagge dovrete ricredervi. Il Sud Est dell’isola offre panorami mozzafiato e numerosi itinerari archeologici. Vicino al porto di Villasimius c’è una vecchia cava di granito, Cava Usai, che vale la pena visitare. Dalla spiaggetta di Cala Caterina a piedi si arriva fino alla Fortezza Vecchia, una fortificazione spagnola. Nel comune di Costa Rei si trova il complesso megalitico di Cuili Piras, un famoso sito archeologico che potrebbe farvi credere di essere capitati in Inghilterra. La somiglianza con Stonehenge è impressionante! Immersa nel verde, fra i monti dei Sette Fratelli, c’è poi la Tomba dei Giganti, un sito che risale all’età nuragica e che è raggiungibile dalla strada che conduce a Cagliari. Infine, al porto di Villasimius si possono noleggiare gommoni o approfittare delle escursioni guidate verso l’Isola dei Cavoli e l’Isola di Serpentara. Non scordate di portare con voi pinne e boccaglio!

Dove alloggiare
Negli ultimi anni Villasimius si è arricchita sempre più di hotel e residence di ogni categoria, mentre un tempo era perlopiù frequentata da chi aveva una casa di vacanza di proprietà. Molti sono gli appartamenti che vengono tuttora affittati a chi desidera trascorrere una vacanza più economica. C’è anche un bel campeggio, immerso in una splendida oasi naturale.

Come arrivare
Villasimius si trova a una cinquantina di chilometri da Cagliari, che si può raggiungere con il traghetto o in aereo. Per via dell’aumento dei prezzi delle compagnie marittime, è più probabile trovare offerte di voli più che di navi. Una volta arrivati a Cagliari, è possibile noleggiare un’auto o prendere il pullman di linea.

Villasimius, regina della Sardegna del Sud