Praga, la Hollywood noir. Sui luoghi dei film

La Capitale della Repubblica Ceca è stata sede di innumerevoli set cinematografici

Centro culturale e turistico famoso in tutto il mondo, con oltre 4 milioni di visitatori l’anno, Praga è stata nominata Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco sin dal 1992. Città splendida, cosmopolita, storica, con una delle più ricche collezioni di architettura esistenti sulla faccia della Terra. La sua bellezza era ammirata da tutti i più grandi artisti degli ultimi secoli: Mozart, Beethoven, Apollinaire, Cajkovskij, Dostojevskij, Rodin,Kokoschka, Kafka.

Tra le principali attrazioni turistiche troviamo Staré Město, il Castello di Praga, il Vicolo d’Oro e la Cattedrale di San Vito, dove sono conservate le reliquie più importanti della Chiesa cattolica boema. E poi il Muro di Lennon, il vecchio cimitero ebraico, il quartiere di Nové Město e il suo municipio.

Simbolo della città è il Ponte Carlo, introdotto dalla Torre di Stare Mesto, grande esempio mondiale di arte gotica. Nessuna meraviglia che la capitale della Repubblica Ceca sia considerata una delle più belle città al mondo.

E che sia stata sede di innumerevoli ciak e set cinematografici. Tanti anni or sono passeggiava per le vie della città un giovanissimo Hannibal Lecter, prima ancora che divenisse l’assassino seriale con l’ossessione dell’antropofagia. Per il film Omen – Il presagio, uscito nelle sale cinematografiche il 6/6/06, sono state girate alcune sequenze in tutta la Capitale: nella biblioteca del monastero di Strahov, nell’Osservatorio astronomico di Stefanik, sull’isola di Strelecky Ostrov, alla Danube House, al Ponte Carlo ecc.

In Van Helsing, la città di Praga si è popolata di mostri e incubi cineletterari: i vari Conte Dracula, dottor Jekyll e Mr Hyde, Frankenstein e l’Uomo Lupo, non circolavano per le tenebrose vie di Parigi bensì proprio nella suggestiva Città Vecchia.

Non solo horror, per fortuna: tanto fantasy e magia per la Capitale ceca, che è stata la location delle Cronache di Narnia: il Principe Caspian, basato sui libri di C. S. Lewis, e I fratelli Grimm. Ma anche atmosfere rosa per alcune scene dell’Amata Immortale, basato sulla vita del compositore Beethoven, in cui si riconoscono Palazzo Schwarzenberk a Mala Strana, i giardini Valdstejn, il monastero di Strahov e il Teatro Tyl.

Il centro della Vecchia Praga ha visto alternarsi anche le vicende amorose dei protagonisti dell’Illusionista, Eisenheim e Sophie. Dulcis in fundo, l’italianissimo Canone Inverso di Ricky Tognazzi è stato girato vicino invece all’isola di Kampa.

Qualsiasi sia il vostro genere, a Praga avrete pane per i vostri denti. E spunti per i vostri sogni.

Praga, la Hollywood noir. Sui luoghi dei film