Il Friuli e il suo crudo più nobile: il San Daniele

Tra un assaggio e l'altro si possono visitare i dintorni di Udine

Un intero paese mobilitato per celebrare il crudo più famoso della storia. Succede a San Daniele dove con Aria di Festa, la kermesse golosona con assaggi e degustazioni del mitico affettato dop, tutto il borgo del Friuli torna ad essere capitale mondiale del prosciutto. L’appuntamento col gusto è dal 25 al 28 giugno: quattro giorni tutti da dedicare alla scoperta del mitico San Daniele del Friuli. Per l’occasione le antiche vie del centro, le piazze medioevali, i palazzi storici saranno invasi da bancarelle, i prosciuttifici apriranno le porte soprattutto da centinaia di stand dove gustare i prodotti tipici della zona. Al centro ovviamente quello del Consorzio del Prosciutto di San Daniele impegnato a tempo pieno a distribuire la famosa Dop (oltre 2 milioni le fette tagliate ogni anno durante la manifestazione).

E tra un assaggio e l’altro, assolutamente da provare i corsi dedicati a scoprire tutti i segreti dell’affettato: come servirlo, con cosa abbinarlo, come tagliarlo correttamente e persino come mangiarlo, oltre a scoprirne la storia e la lavorazione. Altrettanto imperdibili le degustazioni guidate che lo mettono spesso a confronto con prodotti altrettanto esclusivi della tradizione friulana. Ristoranti, prosciutterie e osterie offriranno ai visitatori altre occasioni di degustazioni a tema, mentre bus navetta saranno a disposizione per tutti coloro che vorranno prendere parte ai tour nei prosciuttifici della zona: Aria di Festa è infatti l’unica occasione dell’anno in cui è possibile effettuare visite guidate in questi “templi” della produzione del Prosciutto di San Daniele dop.

E poi c’è naturalmente la possibilità di scoprire un territorio che già di per sé è uno spettacolo. Solo qui il microclima particolare consente la stagionatura ideale per un Prosciutto composto nient’altro che da cosce selezionate di suini italiani, sale marino e un’aria incontaminata che si riconosce al primo assaggio. Dopo gli assaggi meta obbligatoria è sicuramente Udine. Chi vuole tornare a casa con un po’ di tintarella potrà fare tappa a Grado. La nuova località trendy della costa friulana distano solo 80 chilometri da San Daniele. Nel palmarès del divertimento vanta un parco acquatico con animazione on the beach per bambini. Per chi volesse trascorrere un lungo week-end all’insegna del gusto, il consiglio è di far sosta a Villa Luppis, un ex convento Camaldolese del 1200, trasformato in un hotel di charme, tra le campagne del Friuli, a Rivarotta di Pasiano (Pn), che propone il curioso e allettante pacchetto Wine Week End. Un fine settimana tra corsi e degustazioni per imparare a conoscere il vino che ha stregato l’ultima edizione del Vinitaly e convinto un appassionato gourmand come Gerard Depardieu a cercare un vigneto tutto suo tra queste colline.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il Friuli e il suo crudo più nobile: il San Daniele