Le 5 attrazioni di Arles, tutte in un weekend

Non solo una rievocazione della Provenza: Arles è una superba città d'arte

Un po’ di Roma in Provenza? Nella città di Arles si trova uno splendido, e ben conservato anfiteatro romano, Les Arènes, ubicato in pieno centro storico. Lo scenario che si apre agli occhi del visitatore è anacronistico ma d’impatto: l’anfiteatro è circondato da palazzi con le persiane colorate. Testimone di antiche corse di bighe, oggi è sede di corride e tauromachie.

L’Èglise Saint-Trophime è un gioiello dell’architettura tardo romanica. La pietra bianca del suo superbo portale scolpito risplende nella piazza centrale quando viene colpita dal sole. Dedicata a Santo Stefano protomartire ed a San Trofimo, primo vescovo della città, la chiesa si lascia ammirare in tutto lo splendore dell’altissima navata, del chiostro e del suo organo del 1872.

L’amore di Van Gogh per Arles è testimoniato dalla presenza dei luoghi, dei colori e delle atmosfere sulle sue tele. E’ in Place Victor Hugo che Van Gogh si recise l’orecchio con un rasoio! E’ nel “Espace Van Gogh”, ex ospedale psichiatrico, che egli fu internato. Ed è proprio a sud di Arles, in piena campagna, che è nascosto il “Pont de Langlois” ritratto dall’artista. Il “Circuit Van Gogh” è una passeggiata per le vie della città che tocca i suoi luoghi più cari.

L’Alyscamps è un splendido e suggestivo viale alberato: una piacevole passeggiata di due chilometri all’ombra di secolari cipressi, lungo i quali sono allineate monumenti e tombe romane. Un luogo che emana una pace ed un fascino talmente evocativo da ispirare le opere di Van Gogh e Gauguin. La tradizione popolare vuole che la necropoli nasconda i resti di martiri cristiani.

Un weekend ad Arles non può prescindere dal buon cibo. Non si può non lasciarsi inebriare dai colori e dai profumi delle bancarelle del suo mercato in Boulevard des Lices. La tipicità del cibo provenzale risiede in un tripudio di olive, formaggi e salumi di toro! Presso il Boulangerie Soulier, panificio molto noto di Arles, si gusta la “fugasse aux olives”, un pane provenzale fantastico.

 

Immagini: Depositphotos

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Le 5 attrazioni di Arles, tutte in un weekend