Alla scoperta di Cadice la città bianca

Itinerario in Andalusia dal quartiere moderno alla città vecchia passando per il lungomare

Cadice in Andalusia è considerata la città più antica della Spagna dove i paesaggi iberici si mescolano ai colori africani creando un’interessante miscela culturale.

A caratterizzare la città è il colore delle case per la maggior parte bianche e lo splendore delle sue acque che ogni anno raccolgono migliaia di turisti. Cadice non è soltanto spiagge e natura, ma anche tradizione e cultura. Caratterizzata dai suoi vicoli stretti è una sorgente di storia antica e di conquistatori.

Non si può pensare di andare a Cadice e trascorrere tutto il tempo sdraiati a prendere il sole. Caduta sotto il dominio dell’impero romano e poi di quello arabo, riprese a prosperare sotto il controllo di Alfonso X di Castiglia. Una striscia di terra unisce Cadice alla terra ferma. Camminando s’incontra il quartiere moderno e subito la città vecchia per ritrovarsi davanti il lungomare contraddistinto dalla presenza di splendide spiagge.

Il centro storico di Cadice è molto piccolo, non occorre nemmeno la mappa per esplorarlo. L’ideale sarebbe lasciarsi incantare dai vicoli stretti, dai palazzi, dalle chiese. Per ammirare lo splendore di Cadice, bisogna salire sulla Torre Tavira, è un pò faticoso, ma ne vale la pena. L’edificio in stile barocco ospita due sale espositive. Durante l’escursione si rimane affascinati dalla Cattedrale con la cupola rivestita di mattonelle color oro e sullo sfondo l’Oceano Atlantico.

Se la giornata è particolarmente calda, ci si può rifugiare nel Parco del Genovese, dove si fa conoscenza di piante esotiche e alberi modellati come sculture. Ad impreziosire lo scenario fontane in stile arabo. Nell’itinerario a Cadice non può mancare l’Oratorio di San Filippo Neri. Il palazzo custodisce al suo interno un’opera di Murillo, mentre la parte esterna evidenzia la presenza di sette cappelle molto decorate.

Una tappa nel lungomare è obbligatoria. Tra le spiagge presenti a Cadice, la più suggestiva è la spiaggia della Caleta, dove è possibile ammirare da un lato il castello di Caterina e dall’altro il castello di San Sebastiano. Sul lungomare si trovano dei locali dove mangiare le tapas accompagnate da un buon bicchiere di birra. Ma una volta sul posto vale la pena assaggiare il pesce fritto servito nel cartoccio. Così mentre si cammina guardando le meraviglie che offre Cadice, accompagnati dall’odore di salsedine, si riesce a soddisfare anche il piacere del palato, con una cucina che ripropone i tipici sapori mediterranei.

 

Immagini: Depositphotos

Alla scoperta di Cadice la città bianca