L’edificio più futuristico del mondo non è stato costruito da un essere umano

Una struttura avanguardista che non porta la firma dell’uomo. Ora si trova a New York

È stato considerato l’edificio più futuristico del mondo e attualmente si trova in mostra a New York, ma questa struttura non è stata realizzata per mano degli uomini. Per costruire un nuovo padiglione nel centro di Manhattan, l’architetto Neri Oxman infatti impiegò 17.000 bachi da seta e il risultato è un vero spettacolo, meraviglia degli occhi e del cuore.

L'edificio più futuristico del mondo non è stato costruito da un essere umano

The Silk Pavilion di Neri Oxman – Fonte GettyImages

Un po’ scienziata e un po’ architetto, Neri Oxman ha creato il Padiglione della Seta: era il 2013 e insieme ai ricercatori di Mediated Matter del MIT Media lab, l’edificio più futuristico del mondo prendeva vita. Un’opera architettonica organica composta da singoli fili di seta che non si impone sull’ambiente ma lo crea. Il Padiglione non è stato progettato per la natura, ma dalla natura: i bachi da seta sono stati addestrati a rinunciare al bozzolo per intessere una solita superficie che ha dato vita ad un capolavoro.

Simbolo del biodesign , l’edificio è attualmente in mostra al MoMa. La sua visione ha lo scopo di dimostrare al mondo interno un nuovo approccio alla costruzione in cui gli umani interagiscono con il sistema naturale. Biologi, chimici e scienziati si sono riuniti attorno alla futuristica idea della Oxman che avvalendosi dell’ecologia materiale ha rivoluzionato il concetto dell’edificio concependolo come habitat e organismo naturale.

Gli umani in questo senso sono soltanto lo strumento per la realizzazione dell’opera architettonica perché è la natura il vero ingegnere. E lo dimostra il Padiglione della Seta, filato dai bachi da seta rilasciati su un telaio in nylon all’interno della struttura di una cupola stampata in 3D.

L'edificio più futuristico del mondo non è stato costruito da un essere umano

The Silk Pavilion di Neri Oxman – Fonte GettyImages

Tutti i lavori della Oxman rappresentano un’evoluzione del concetto dell’architettura perché lei esplora i materiali e si avvale del mondo naturale per prelevare e sfruttare le grandissime potenzialità di questo. Partendo dal materiale organico, Neri Oxman e il suo team costruiscono attraverso processi di biologia sintetica creazioni in grado di funzionare e reagire al mondo esterno in autonomia. Idee visionarie, futuristiche, talvolta folli ma che sicuramente stravolgono il mondo per come lo conosciamo noi.

La Oxman è un vero genio e il Padiglione della seta esposto al MoMa di New York non può che confermarlo.

L'edificio più futuristico del mondo non è stato costruito da un essere umano

The Silk Pavilion di Neri Oxman – Fonte GettyImages

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

L’edificio più futuristico del mondo non è stato costruito da ...