In bicicletta tra i camini delle fate della Cappadocia

Di tutta la Turchia, la Cappadocia è una tra le regioni più spettacolari. E, il modo migliore per esplorarla, è a bordo di una due ruote

Regione semi-arida della Turchia centrale, la Cappadocia è nota in tutto il mondo per i suoi “camini delle fate”, alte formazioni rocciose a forma di cono che si trovano nella Valle dei Monaci, a Göreme e in altre zone. E qual è il modo migliore per ammirarli, se non con un tour in bicicletta?

Sono spettacolari, i camini delle fate della Cappadocia. Sono delle specie di piramidi di terra, dei rilievi rocciosi tipicamente formati da un prisma di tufo (o di limo o di roccia vulcanica) friabile sormontato da un cono più compatto: si dice che, i massi sulla sommità, siano stati posati da divinità celesti. Ed ecco che, oltre ad essere splendidi, i camini (che si trovano anche in Italia) sono anche un po’ magici.

Per esplorare l’area dei camini delle fate di Göreme – Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO – si può prendere parte ad un suggestivo tour in bicicletta rivolgendosi a Biking Cappadocia. Ci sono circuiti per tutte le difficoltà, e daily tour adatti anche ai principianti per esplorare un luogo unico al mondo. Lungo 22 chilometri, e con un dislivello di 500 metri, il Goreme Valley Explorer permette d’ammirare alcuni tra i più spettacolari panorami della Cappadocia a bordo di una mountain-bike.

Si parte da Göreme e, lasciandosi il villaggio alle spalle, si entra nell’area dei camini delle fate: qui si lascia per un poco la bicicletta e – con l’aiuto della guida, e con le sue spiegazioni relative a quelle così originali formazioni – si cammina tra le rocce, assaporandone tutta la loro suggestione.

Il tour prosegue poi verso la Zemi Valley – un luogo perfetto per gli amanti del trekking, che possono esplorarla in circa quattro ore – e si raggiunge la chiesa di El Nazar, una sorta di museo a cielo aperto splendidamente ristrutturato: è un luogo lontano dalle solite rotte turistiche, questo, ed è culla di splendidi affreschi bizantini. Scavata nella roccia, la chiesa (detta Evil Eye Church) riporta infatti immagini del Cristo Creatore, degli Apostoli e scene tratte dalla Bibbia.

Da qui, si procede attraverso abitazioni rupestri, chiese nelle rocce e si sfiora il complesso monasteriale della Swords Valley prima di arrivare alla straordinaria Rose Valley e visitare le famose chiese di Göreme e il villaggio storico di Cavusin.

Infine, il tour prevede una visita alla Vaftizci Yahya Kilisesi (la chiesa di San Giovanni Battista, una tra le più antiche chiese nella roccia della Cappadocia), nel cuore di Cavusin, prima di concludersi alla Love Valley. E regalarsi così, ancora una volta, la vista di quelle costruzioni mozzafiato che i camini delle fate sono.

In bicicletta tra i camini delle fate della Cappadocia