In Trentino, Ossana è il borgo dei presepi

Nel borgo di Ossana, a Natale, ci sono più presepi che abitanti

Nel borgo di Ossana, a Natale, ci sono più presepi che abitanti. Il piccolo abitato della Alta Val di Sole, in Trentino, è famoso anche fuori dai confini nazionali per i suoi numerosi e originali presepi.

Ce ne sono più di 1400, una collezione imponente che ogni anno, da vent’anni, cresce e viene esposta lungo le vie più suggestive del borgo.

Alcuni sono molto semplici, ma ci sono anche vere e proprie opere d’arte e vere rarità.

La sfilata di presepi, uno diverso dall’altro, è da anni divenuta un’attrazione turistica tanto che arrivano a visitarli da tutto il mondo.

“Il borgo dei mille e quattrocento presepi è sicuramente una cosa singolare, una tradizione ventennale che ci porta ad essere conosciuti in tutta Italia e all’estero”, ha commentato Maurizio Andreotti dell’Azienda per il Turismo della Val di Sole ad Aska News. “Venire a sciare nelle nostre tre grandi Skiaree in val di Sole, a Pejo, a Pontedilegno-Tonale o Dolomiti di Brenta è sicuramente importante, ma è altrettanto importante venire a vedere cosa abbiamo costruito in questi anni e capire la nostra proposta, il nostro territorio, la socialità, le persone, lo sforzo che facciamo per il turista”.

Quest’anno nel borgo trentino ci sono anche dei presepi che hanno una bella storia da raccontare. Sono stati donati dal Venezuela, messi in salvo da una donna anziana per difendere la sua collezione delle Natività dal caos che sta colpendo il Paese sudamericano in questo momento. Tra i 1400 sono quindi esposti 150 presepi venezuelani che raccontano la storia e le radici di quelle popolazioni

Per i turisti che visitano Ossana fino al 6 gennaio 2019, il Comune ha previsto un percorso guidato dalla piazza centrale del paese fino al Castello di San Michele, passando per due mercatini di Natale che espongono i prodotti dell’artigianato locale e delle eccellenze gastronomiche trentine.

In Trentino, Ossana è il borgo dei presepi