Pompei: dagli scavi emerge una misteriosa piccola “mummia”

Nuova scoperta a Pompei: dagli scavi sono emersi dei dipinti davvero straordinari, tra cui un piccolo graffito

Sono da pochi giorni ripresi gli scavi a Pompei, ed emergono già alcuni dipinti molto interessanti, che aprono la scia a curiose ipotesi sulla presenza, nell’antica colonia romana, di una famiglia molto importante in epoca lontana.

La scorsa settimana è stato aperto un nuovo cantiere di scavi a nord di Pompei, appena fuori dalle mura della città romana, e ciò che è venuto alla luce ha sorpreso tutti. Tra splendide architetture e pareti dipinte, è infatti stato rinvenuto un criptoportico coperto da una terrazza e una parete nera su cui si staglia un fiore bianco. Ma a colpire maggiormente è il nome “mummia”, graffito dalla mano di una misteriosa bambina che probabilmente visse nella villa che sta man mano tornando a splendere alla luce del sole.

Il nome della piccola fa sospettare che la casa fosse di proprietà di un esponente dei Mummii, una famiglia romana molto importante, di cui fino ad oggi non si era mai attestata la presenza a Pompei. Dagli scavi stanno emergendo i resti di una splendida villa suburbana affacciata sul Golfo di Napoli, che potrebbe essere appartenuta ad un generale o ad un altissimo magistrato militare.

Imponente, fastosa e ricca di meravigliose decorazioni, l’abitazione sembra essersi conservata molto bene: è stata infatti solo lievemente danneggiata dal terremoto che ha preceduto l’eruzione, mentre le colate di materiale piroclastico avrebbero aiutato a preservare gli ambienti di questa magnificente struttura.

Gli archeologi hanno da poco iniziato a lavorare su ciò che è venuto alla luce da questi primi scavi, e sarà necessario ancora molto tempo prima di poter ammirare l’imponenza di questa villa sorprendente. Ma i primi dettagli rivelano già quanto importante sia questa scoperta: a quanto pare, l’edificio sembra poter essere paragonato alla celebre Villa dei Misteri, per la ricchezza dei suoi ambienti.

Intanto, il Parco archeologico di Pompei riapre i battenti al pubblico: dopo due mesi di chiusura, i turisti possono tornare ad ammirare uno dei siti archeologici più affascinanti e suggestivi al mondo. Per il momento, sarà possibile solamente seguire un itinerario che condurrà i visitatori lungo le strade dell’antica colonia romana, seguendo un percorso prestabilito. Dopo due settimane di sperimentazione, a partire dal 9 giugno, le cose potrebbero cambiare: si attende solamente quella data per poter tornare ad esplorare e a vivere appieno l’emozione di una città che non smette mai di sorprenderci.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pompei: dagli scavi emerge una misteriosa piccola “mummia”