L’Oman riapre ai turisti italiani: le regole

Vaccinazione completa e tampone negativo per entrare in Oman

L’Oman ha riaperto ai turisti stranieri con Green Pass e tampone. Dal 1° di settembre i visitatori che vorranno raggiungere il Sultanato per godere delle bellezze della capitale Muscat, dove sorge la Grande Moschea Sultano Qaboos, il  luogo di culto più importante dell’Oman, gli oltre 500 forti e castelli che costellano città fortificate e torri di avvistamento, o attraversare le imponenti dune del Wahiba Sands alte fino a 50 metri, potranno farlo osservando alcune precise regole. Anche l’ingresso a tutte le strutture pubbliche e private come negozi, i ristoranti, musei, manifestazioni culturali o sportive, è consentito solo a chi avrà completato il ciclo vaccinale.

Lo scorso 21 agosto in Oman è stato abolito il coprifuoco ma fino al 30 agosto gli spostamenti per turismo verso la destinazione araba erano vietati dall’Italia, che erano consentiti solo “per lavoro, motivi di salute e di studio, assoluta urgenza e rientro nel domicilio, abitazione e residenza propria o di persona, anche non convivente, con cui vi sia una relazione affettiva stabile e comprovata”. Dal 1° settembre le regole cambiano.

Viaggio in Oman: le regole

Dal 1° settembre 2021 l’ingresso in Oman è nuovamente consentito agli stranieri residenti e ai turisti provenienti da qualsiasi Paese. I cittadini italiani sono esenti dall’obbligo di visto per soggiorni inferiori a 30 giorni. I turisti dai 18 anni in su dovranno osservare alcune regole per raggiungere il Sultanato. Lingresso in Oman è consentito ai possessori di Green Pass, quindi di un certificato dotato di QR code che attesti di aver ricevuto l’intero ciclo di uno dei vaccini riconosciuti dall’Oman (al momento sono: Pfizer, Astra Zeneca, Covishield, Sputnik, Sinovac, Sinopharm, Moderna e Johnson and Johnson).

L’intero ciclo vaccinale (due dosi o una in caso di guarigione da Covid) deve essere stato completato almeno 14 giorni prima della data di arrivo in Oman. Sarà poi richiesto l’esito 
negativo di un tampone PCR dotato di QR code ed effettuato entro le 72 ore precedenti l’arrivo o entro le 96 ore precedenti l’ingresso in Oman per viaggi superiori alle 8 ore (aerei e transiti inclusi). Non vi è l’obbligo di alcuna quarantena o isolamento all’arrivo. I viaggiatori dovranno poi scaricare sul proprio smartphone la App di tracciamento Tarassud+ e registrarsi con un proprio profilo, caricando sulla App il certificato vaccinale e l’esito del tampone PCR.

Cosa fare se non si ha il tampone?

Chi possiede il certificato vaccinale ma non l’esito negativo del test COVID-19 PCR dotato di QR code al momento dell’imbarco dovrà necessariamente prenotare sulla piattaforma Tarassud+ un tampone che verrà effettuato all’arrivo in Oman direttamente in aeroporto. In attesa dell’esito negativo del tampone, il turista dovrà indossare il braccialetto elettronico per il tracciamento e restare in isolamento. In caso di risultato positivo del tampone, è invece obbligatoria una quarantena di 10 giorni a partire dalla data del test.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

L’Oman riapre ai turisti italiani: le regole