La Finlandia riapre le porte agli italiani: ecco dove andare

Dal 13 luglio si potrà tornare a visitare la Finlandia. Quello è stato eletto il Paese più felice del mondo torna ad accogliere i turisti italiani.

Dal 13 luglio si potrà tornare a visitare la Finlandia. Quello è stato eletto il Paese più felice del mondo torna ad accogliere i turisti italiani perché possano trascorrere un’estate sotto un sole perpetuo, tra foreste, laghi, saune, aria pulita e buon cibo.

Il profondo Nord dovrebbe essere nella lista delle mete da visitate di tutti i viaggiatori. E ci sono tanti ottimi motivi per cui dovebbe essere inserito tra i primi luoghi da visitare, anche d’estate. Gli amanti della natura incontaminata, alla ricerca di una nuova normalità fatta di sicurezza, pace e luce, resteranno incantati da questa splendida terra.

Il profondo legame che i finlandesi hanno con l’ambiente che li ospita è contagioso. In questo periodo dell’anno il sole splende per tutta la notte, specie in Lapponia. Con 24 ore di luce diurna è possibile esplorare la straordinaria natura selvaggia dell’Artico senza sosta. Si può raggiungere la Lapponia da Helsinki in auto oppure prendendo un treno notturno per Rovaniemi, sul Circolo Polare Artico. Qui d’estate si incontrano le renne di Babbo Natale con i loro piccoli che solitamente nascono a maggio. Un’esperienza unica. Per chi vuole respirare l’aria più pura che ci sia, nel Parco Nazionale Pallas-Yllästunturi si trova una delle stazioni di misurazione della qualità dell’aria a livello globale.

Ma una delle più belle esperienzxe da fare in Finlandia d’estate è il Nordic Island Hopping saltando da un’isola all’altra. Ci si muove in auto, traghetto e, chi vuole, anche in bicicletta. Si può quindi esplorare l’arcipelago più grande del mondo anche senza barca. L’arcipelago finlandese è l’area più luminosa del Paese in estate e, con più di 180.000 isole che si stagliano sulla gran parte della costa, diventa un vero e proprio sogno per gli amanti del mare. Percorrendo l’Archipelago Trail “Saariston rengastie”, un itinerario circolare di 220 chilometri fatto di strade e collegamenti in traghetto che parte da Turku, si toccano tutte le isole principali di Pargas, Nagu, Korpo, Houtskär e Iniö. Un percorso magico per cui è previsto il pagamento di un solo traghetto (tutti gli altri ferry sono gratuiti).

Ma, nell’immaginario collettivo, Finlandia è sinonimo di cottage (in finlandese “mökki”). I finlandesi, infatti, sono maestri nel trascorrere le vacanze nella loro seconda casa che, per la maggior parte, è ubicata vicino a uno dei 188.000 laghi presenti nel Paese. Ci sono cottage anche per i turisti. In questi alloggi fatti di legno la vacanza è all’insegna della semplicità: niente Internet, nessun vicino di casa, niente elettricità né acqua corrente. Tra i luoghi  più belli dove fare questo tipo di vacanza primordiale c’è il Lago Saimaa, il più grande della Finlandia e il quarto più grande d’Europa.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La Finlandia riapre le porte agli italiani: ecco dove andare