Expo last minute: 10 consigli per visitarlo prima della chiusura

Come saltare le code, mangiare gratis e godersi la visita al meglio

 
Manca meno di un mese alla chiusura di Expo Milano 2015 (la data di chiusura è il 31 ottobre) e chi non c’è ancora stato in questi giorni ha l’ultima occasione per visitare l’esposizione. Per vederne un’altra in Italia passeranno decenni, se si considera che l’ultima Esposizione Universale in programma nel Belpaese è stata quella di Roma del 1942, peraltro annullata a causa della guerra. A Milano invece bisogna tornare indietro nel tempo fino al 1906 per ricordare l’ultima edizione nella città.

C’è insomma da affrettarsi per organizzare la visita troppe volte rimandata: ecco 10 consigli last minute da parte di chi c’è già stato per ottimizzare i tempi e godersi Expo al meglio.

1 – Saltare le code a Expo: i biglietti
Comprate i biglietti per Expo online o dal giornalaio per evitare le code alla biglietteria. Volete saltare le code all’ingresso di Expo? Online è in vendita il Voucher Fast Track, il biglietto salta-file che permette di entrare in corsie preferenziali ai tornelli dei controlli.

2 – Saltare le code a Expo: disabili e bambini
Se siete incinte oppure con bambini piccoli sul passeggino, oppure disabili, avrete a disposizione un accesso preferenziale sia all’ingresso che nelle code ai padiglioni (eccetto qualcuno, come quello giapponese, dove al posto di 6 ore di coda in media potrete farne “solo” due”).

3 – Che ingresso utilizzare e come arrivare per fare meno fila? 
Il primo consiglio è di non usare la macchina, a rischio coda nel parcheggio e ai rispettivi tornelli. Molti consigliano di prendere il tram (linea 12 o 19) e arrivare all’ingresso Est Roserio, il più vicino a Milano. Da qui dopo una breve passeggiata si arriva ai tornelli meno trafficati. Se optate per l’ingresso Est, l’ideale è percorrere tutto il decumano fino all’estremità Ovest e da qui tornare in città con il Passante o con la Metro.
Quanto agli ingressi Ovest, il percorso più breve è quello per chi arriva con il Passante Ferroviario, con fermata alla stazione Rho Fiera Expo, a due passi dall’entrata Triulza, mentre la fermata della metropolitana richiede una lunga camminata per raggiungere gli ingressi.
Dovendo scegliere tra il Passante e la MM1, i più esperti preferiscono utilizzare il primo, meno trafficato e con un numero minore di fermate per arrivare a Expo.

4 – Mappa di Expo
Una volta arrivati all’ingresso, individuate subito un volontario e fatevi dare una mappa (gratuita) di Expo, per orientarvi tra i padiglioni.

5 – Navetta di Expo
La mappa è utile anche per individuare le fermate della navetta, situate lungo il perimetro esterno dell’esposizione: nel caso vi sentiste stanchi di camminare troverete questo mezzo di trasporto utilissimo, nonostante sia affollato e non molto frequente.

6 – Cosa portare a Expo
Mettetevi nell’ottica di camminare per chilometri e chilometri: dunque indossate scarpe comode. Portate una piccola bottiglia d’acqua, anche vuota: potrete riempirla nelle apposite fontane sparse per l’esposizione, che erogano anche acqua frizzante. Infine, se è prevista pioggia non dimenticate l’ombrello perché non tutta l’esposizione è al coperto, soprattutto in prossimità dei padiglioni.

7 – Appuntamento alle 21 all’Albero della Vita
Non perdetevi lo spettacolo serale all’Albero della Vita alle 21, nei pressi del Padiglione Italia (Piazza Italia): non dovete fare coda ed è veramente suggestivo.

8 – Expo, parola d’ordine: pazienza
Se i padiglioni sono troppo affollati non mettetevi in coda, ma sceglietene un altro da visitare e godetevi la passeggiata sul decumano. Oppure sedetevi a mangiare qualcosa in relax.

9 – Ristoranti vegetariani e per celiaci a Expo
I locali vegetariani a Expo si contano a decine, da El Attilio, nel Padiglione Spagna, allo street food vegetariano nel Padiglione Olanda, al Bistro Fairmont Monte Carlo nel padiglione Francia, all’Israeli Picnic al padiglione di Israele. Sono invece 9 i ristoranti che servono piatti senza glutine, nei padiglioni Israele, Italia, Gran Bretagna e Paesi Bassi.

10 – Dove mangiare gratis a Expo
Le Bistrot du Lion, all’esterno del Padiglione Francia accanto all’uscita, tutti i giorni offre degustazioni di prodotti tipici sempre diversi tipici del Paese d’Oltralpe: salumi, formaggi, nocciole, biscotti bretoni, frutta e verdura, ostriche. Lo stand Coca Cola regala bibite a tutti i visitatori del padiglione, mentre lo stand di Cascina Triulza nel padiglione Italia offre stuzzichini di Grana Padano, pane nero e biscotti.

SiViaggia

Expo last minute: 10 consigli per visitarlo prima della chiusura