Venezia: il labirinto più bello d’Italia è ora aperto al pubblico

Migliaia di piante di bosso si incrociano e si elevano, formando un intricato percorso: apre al pubblico il labirinto di Borges, un luogo magico

Il verde delle foglie e del prato, l’allegro rincorrersi di farfalle colorate, il profumo dell’erba tagliata di fresco. E ancora una melodia, che riempie le orecchie e accompagna lungo un cammino misterioso: questo è quanto aspetta chi visiterà il labirinto di Borges, uno dei luoghi più incantevoli d’Italia che adesso è ufficialmente aperto al pubblico.

Situato sull’Isola di San Giorgio a Venezia, il labirinto è un vero incanto di recente costruzione: risale solo al 2011 ed è stato realizzato dalla Fondazione Giorgio Cini per volere della scrittrice Maria Kodama, vedova di Jorge Luis Borges.

Il labirinto di Borges

Ingresso del labirinto di Borges

Il labirinto è un omaggio all’opera di Borges Il giardino dei sentieri che si biforcano, uno dei racconti più suggestivi dello scrittore, che lo sviluppò proprio come se fosse un misterioso e intricato enigma, un “labirinto letterario” il cui tema è il tempo e il cui senso ultimo viene svelato soltanto alla fine.

Fino a oggi il groviglio di biforcuti sentieri è stato fruibile solo dall’alto. Chi si recava a Venezia lo poteva ammirare dal terrazzo del Centro Branca, godendosi una visione panoramica di questa meraviglia verde, le cui siepi sono disposte in modo tale da formare il nome Borges per ben due volte.

Labirinto di Borges

Visuale dall’alto del labirinto di Borges

Le visite dall’alto, per altro, permettevano di osservare non solo il giardino, ma anche le affascinanti sculture dedicate alle opere di Borges, tra cui due clessidre, un punto di domanda, una tigre, un bastone e degli specchi.

Adesso, però, l’esperienza si intensifica e diventa ancor più forte, più potente e suggestiva: la Fondazione Giorgio Cini ha infatti deciso di organizzare delle visite guidate della durata di 15 minuti proprio all’interno del labirinto.

Gli appassionati delle opere dello scrittore Novecentesco potranno vivere la magia di immergersi in un disorientante cammino che si snoda tra oltre 3200 piante di bosso alte novanta centimetri. E non è finita qui, perché per di più i visitatori potranno bearsi della suite Walking The Labirinth, composta per l’occasione da Antonio Fresa, eseguita e registrata con l’Orchestra del Teatro La Fenice.

Le visite, organizzate per celebrare il decennale della creazione del labirinto, i trentacinque anni dalla scomparsa di Borges e i settant’anni della Fondazione Giorgio Cini, si potranno effettuare tutti i giorni tranne il mercoledì. Ricordiamo, inoltre, che per perdersi in questo luogo magico occorre prenotare la visita sul sito della Fondazione.

Labirinto di Borges

Le siepi di bosso del labirinto di Borges

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Venezia: il labirinto più bello d’Italia è ora aperto al pubbl...