Unesco: il Patrimonio Mondiale Astronomico

Nasce l'elenco dei Patrimoni Mondiali Astronomici, vestigia che raccontano i passi dell'uomo verso il cielo, da Stonehenge a Giza

L’Unesco, United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization, ha deciso di istituire l’elenco dei Patrimoni Mondiali Astronomici, 44 vestigia astronomiche sparse per il mondo e che raccontano i passi dell’uomo verso le stelle. Un viaggio tra i continenti alla scoperta di testimonianze che il tempo e la cultura hanno lasciato guardando il cielo. Infatti, secondo l’Unesco tutte le civiltà hanno cercato di stabilire un contatto tra la Terra e il cielo, dai celti agli antichi Egizi fino ai giorni nostri.

Lo scopo è di preservare queste eredità e, affinché ciò accada, è necessario conoscerle e farle conoscere. Alcuni dei Patrimoni Astronomici presenti nella lista sono già molto famosi. Come Stonehenge, in Gran Bretagna, il monumento preistorico più famoso al mondo. Le pietre di Stonehenge sono allineate con un significato particolare ai punti di solstizio ed equinozio. Alcuni sostengono che rappresenti un antico osservatorio astronomico. Oppure le piramidi di Giza, in Egitto. Gli spigoli delle piramidi rappresenterebbero i raggi solari che scendono sulla Terra: la piramide era per gli antichi Egizi la scala per salire al cielo.

Ma molti Patrimonio Astronomici si trovano anche in Italia. Primo fra tutti il Pantheon di Roma. Qui il sole entra dalla cupola e funziona da meridiana segnando con il fascio di luce gli elementi architettonici interni, ognuno dei quali con il suo preciso significato. Poi ci sono il Battistero di Parma e l’Acropoli di Alatri fuori Roma. 

Non tutti i Patrimoni Astronomici risalgono a secoli fa. Alcuni sono molto moderni, come l’osservatorio delle Hawaii, la Torre Einstein a Postdam in Germania, l’osservatorio del monte Wilson a Los Angeles e quello delle isole Canarie.

L’Unesco ha iniziato a stilare un elenco dei Patrimoni mondiali dell’umanità nel 1972, una lista che viene aggiornata ogni anno. Si tratta di 936 siti (725 beni culturali, 183 naturali e 28 mistiche) che rappresentano delle particolarità di eccezionale importanza da un punto di vista culturale o naturale. I siti Unesco sono presenti in 153 Nazioni. Attualmente l’Italia è la nazione a detenere il maggior numero di siti inclusi nella lista dei Patrimoni dell’umanità: sono ben 47. Scoprili.

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Unesco: il Patrimonio Mondiale Astronomico