Il turismo di lusso sarà il primo a ripartire: perché

Ecco perché il settore del lusso, anche nel turismo, sarà il primo a ripartire

L’intero settore turistico ha subito gravi conseguenze a causa dell’emergenza sanitaria che il nostro Paese sta ancora vivendo, e non è ben chiaro quando sarà possibile tornare alla normalità. I turisti non aspettano altro, tuttavia sembra ancora presto per poter riprendere a viaggiare come prima. Il settore del lusso, in quest’ottica, dovrebbe essere il primo a ripartire.

Compagnie di jet privati, hotel a sette stelle, esperienze personalizzate e ricche di ogni possibile comfort: il luxury travel ha avuto un’impennata nel corso degli ultimi anni e, anche se ha notevolmente subito l’impatto negativo dell’isolamento vissuto in questo periodo, sembra pronto a tornare in pista per soddisfare le esigenze dei propri importanti clienti. I big spender hanno, come tutti, voglia di tornare a viaggiare e godere delle bellezze del mondo: saranno probabilmente i primi a poterlo fare, proprio perché possono permettersi comodità e maggiori standard di sicurezza.

Pensiamo al viaggio: poter noleggiare un jet privato per volare in tutta tranquillità senza doversi preoccupare del distanziamento sociale, delle ore infinite da trascorrere in aeroporto e del pensiero di poter comunque incrociare qualcuno che potrebbe essere positivo, è un lusso che garantisce margini di sicurezza molto più elevati, di cui però può usufruire solo chi è disposto a spendere parecchio.

E per quel che riguarda il pernottamento, la situazione è la stessa. Chi può permettersi di spendere grandi cifre, ha a disposizione la possibilità di prenotare le sistemazioni migliori – o magari un intero piano dell’hotel, così da non avere vicini di stanza. I pasti serviti in camera permettono inoltre di avere meno contatti con altre persone rispetto ad un affollato ristorante o ad un buffet.

I servizi di lusso garantiscono da sempre una maggiore privacy e un livello di sicurezza elevato, ed è proprio questo il loro punto di forza. Non è difficile immaginare come un hotel extralusso abbia molte più risorse per rendere i propri ambienti più sicuri possibile, con igienizzazioni costanti e precauzioni che tante piccole strutture non possono adottare. D’altronde, i big spender sono pronti ad investire proprio per poter godere di questa maggior tranquillità.

In quest’ambito, si inseriscono le più importanti catene di hotel di lusso, che stanno proprio lavorando per tornare in fretta alla normalità. Il Langham Hospitality Group, che vanta splendidi resort in città affascinanti come Los Angeles, Shanghai, Bangkok e Londra, ha da poco annunciato una nuova apertura. The Langham Venezia, nel cuore dell’isola di Murano, avrà un’incantevole vista sulla Laguna e offrirà elevati standard di qualità ai propri ospiti. L’hotel aprirà i battenti nel 2023, e sarà il primo in suolo italiano per la compagnia.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il turismo di lusso sarà il primo a ripartire: perché