Skorpios, l’isola da 150 milioni di dollari. Tutte le altre isole dei vip. Foto

La figlia di Onassis cede la mitica isola greca a un'ereditiera russa

Comprarsi un’isola è stato uno dei primi simboli di lusso sfrenato. Una moda seguita, poi, da altri miliardari negli anni a venire. Il primo a farlo è stato, infatti, l’armatore greco Aristotele Onassis che acquistò l’isola di Skorpios, nel Mar Ionio, e che sfruttò soprattutto dopo il matrimonio con Jackie (fu Kennedy), le cui nozze furono celebrate proprio sull’isola nel 1968. E’ qui che un paparazzo immortalò uno dei primi topless della storia (quello di Jacqueline) ed è qui che si svolgevano le feste più trasgressive degli anni della Dolce Vita.

Da allora la Grecia divenne una delle mete più gettonate in cui trascorrere le vacanze.

Oggi l’isola di Skorpios, simbolo di un’epoca, è stata venduta da Athina, unica erede di Onassis, alla figlia 24enne di un magnate russo, Ekaterina Rybolovleva. Suo padre è il 119esimo uomo più ricco del mondo.

Secondo quanto riportato da Forbes, pare che la cifra pattuita per l’acquisto dell’isola si aggiri intorno ai 150 milioni di dollari. Nella cifra è inclusa anche una piccola isola vicina, Sparti. Nel 2000 la proprietà sarebbe stata valutata all’incirca sui 200 milioni. Ma si sa, c’è la crisi, e Athina non riesce a mantenere le spese fisse dell’isola. Tanto più che lei vive a San Paolo del Brasile con il marito, campione olimpico di equitazione Alvaro de Miranda Neto. Onassis l’aveva acquistata per 20.000 dollari nel 1963. Aveva fatto piantare alberi, realizzare spiagge con sabbia importata e fatto costruire tre abitazioni, una pista di atterraggio per elicotteri e una marina.

 

Skorpios, l’isola da 150 milioni di dollari. Tutte le altre isol...