La Russia inaugura un centro turistico nell’angolo più remoto

Il centro di ricerca della Franz Josef Land apre al turismo: ora non solo i crocieristi, ma anche i turisti stanziali, potranno visitare quest'angolo di mondo

Il prossimo 30 agosto, la Russia inaugura una sistemazione decisamente sui generis. A partire da quella data, si potrà infatti dormire in un centro turistico su di un’isola della Terra di Francesco Giuseppe (Franz Josef Land), uno dei luoghi più remoti del mondo.

Nel mare di Barents, al confine col Mar Glaciale Artico e il mare di Kara, a est delle isole Svalbard, la Franz Josef Land comprende 191 isole coperte dal ghiaccio e quasi totalmente disabitate. Qui, dove la temperatura media annuale è di -12.8°C (ma a luglio si possono “toccare” i 2.2°C), dato il sempre maggiore interesse dei turisti per il Circolo Polare, la Russia ha deciso di creare una sistemazione speciale per il turismo stanziale.

crociera terra di francesco giuseppe

Già oggi, del resto, la Franz Josef Land è meta di crocieristi “estremi”, che qui arrivano per ammirare trichechi, volpi artiche e orsi polari. E per godersi un paesaggio straordinario. Ora, però, su queste isole ci potrà anche fermare: sul territorio di Gukur, uno tra i più estesi dell’arcipelago, la prima stazione di ricerca della zona (datata 1929) – seguita dall’apertura di un osservatorio artico – sta per aprire ai turisti.

A partire dal 30 agosto, in occasione del suo 90° anniversario e dell’arrivo della nave da crociera Silver Explorer (i cui passeggeri hanno pagato 33mila euro per l’incredibile viaggio da Nome in Alaska a Tromsø in Norvegia), la stazione si rivolge ai turisti offrendo loro la possibilità di pernottare per qualche giorno o anche di organizzare soggiorni più lunghi.

Franz Josef Land

Si trasformerà, la stazione, in un museo a cielo aperto e in un mini resort di lusso (i prezzi non saranno certo economici). Si parla anche di un futuro coinvolgimento dei turisti nella ricerca scientifica, sebbene non ne sono ancora state rese note le modalità.

«La popolarità dell’Artico sta crescendo di anno in anno, ed è necessario per noi creare le condizioni ideali affinché i viaggiatori scelgano di venire fino a qui» ha affermato Alexander Kirilov, direttore dell’Arctic National Park che ospita la fondazione. Ora bisognerà capire quale impatto il turismo avrà su di una zona tanto delicata, che necessariamente va difesa e tutelata.

stazione polare

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La Russia inaugura un centro turistico nell’angolo più rem...