Il principe Harry lancia una sua piattaforma di viaggi sostenibili

Si chiama Travalyst, ed è l'ultima iniziativa del principe Harry: una piattaforma volta a promuovere un modo di viaggiare sostenibile e rispettoso

Che il principe Harry sia un amante della natura, degli animali e del vivere sostenibile non è certo un mistero. Ora, però, il secondogenito di Carlo e Diana si è decisamente spinto oltre. Come? Lanciando una sua piattaforma per chi intende organizzare viaggi green.

E poco importa che di recente sia stato attaccato per l’utilizzo di jet privati («Il 99% dei miei spostamenti aerei avviene con voli di linea, se utilizzo jet privati è per ragioni di sicurezza legate alla mia famiglia», si è difeso): le sue scelte e il suo impegno non si discutono. Basti pensare alle sue dichiarazioni in tema di famiglia: «Ho sempre amato la natura e ho sempre voluto preservarla, anche prima di avere un figlio o di sperare di averne… al massimo due!», ha dichiarato qualche mese fa nel corso di un’intervista.

principe harry africa

Il principe Harry durante uno dei suoi viaggi in Africa | Fonte: Instagram @sussexroyal

E, anche in tema viaggi, Harry (prima da solo e poi con Meghan al suo fianco) ha sempre puntato sulla sostenibilità, prediligendo soluzioni eco-friendly – vedi alla voce ecoresort in Africa, meta del primo tour ufficiale da marito e da papà – e facendo notare agli hotel in cui alloggiava ciò che secondo lui è poco green. Come quando, durante una visita in Italia, ha chiesto se si potesse non utiizzare la plastica monouso.

Ora, il suo impegno l’ha messo al servizio degli altri viaggiatori: Travalyst, questo il nome della piattaforma (nata dalla collaborazione con Booking.com, Skyscanner, Ctrip, TripAdvisor e Visa), nasce proprio per proporre soluzioni di viaggio green, e per promuovere iniziative che – in ogni angolo del mondo – sono volte alla salvaguardia dell’ambiente, degli animali e delle tradizioni.

principe harry travalyst

Il principe Harry durante la presentazione del suo sito ad Amsterdam | Photo by Gareth Fuller/PA Images via Getty Image

«Il viaggiare ha la capacità unica di aprire la mente delle persone a culture diverse, nuove esperienze e di portare la gente ad apprezzare fino in fondo ciò che il nostro mondo ha da offrirci. Con l’inevitabile crescita del turismo, è di fondamentale importanza accelerare l’adozione di pratiche sostenibili a livello mondiale e bilanciare questa crescita con le necessità delle popolazioni locali e dell’ambiente. Mettere assieme le aziende, i consumatori e le comunità è la cosa migliore che possiamo fare per proteggere gli ecosistemi e le destinazioni per le generazioni future», ha dichiarato il principe.

Sono sempre di più, del resto, i viaggiatori che sposano la filosofia green. E Travalyst nasce proprio con questo obiettivo: promuovere soluzioni volte a stimolare pratiche sostenibili su tematiche quali il supporto alle popolazioni locali, la protezione degli animali selvatici, la lotta al cambiamento climatico e ai danni ambientali e la gestione dell’overtourism.

Una bella sfida, per l’ex piccolo di casa Windsor.

Il Lesotho, un angolo d’Africa che il principe Harry tanto ama

 

Il principe Harry lancia una sua piattaforma di viaggi sostenibil...