Perché progettare un viaggio rende più felici: il nuovo studio

Un nuovo studio dimostra come anche il solo progettare, il pensare di fare nuove esperienze ed uscire dalla solita routine rende felici le persone

Non solo viaggiare, ma anche il solo progettare una vacanza rende davvero felici le persone. A sostenerlo un nuovo studio pubblicato sulla rivista di settore “Tourism Analysis” che ha dimostrato come chi effettua spostamenti o pianifica un itinerario si sente più appagato e rilassato.

Il 2020 è stato un anno davvero molto difficile per i viaggiatori perché la pandemia da Covid-19, che ha colpito tutto il mondo, ha fortemente penalizzato il settore del turismo e gli spostamenti. Eppure, anche se i movimenti sono stati limitati, la voglia di partire è davvero tanta e ora, che la campagna vaccinale è partita (un fatto che infonde ottimismo in tutto il settore travel), si può pensare di nuovo alla progettazione e alla pianificazione dei propri itinerari.

Lo studio, condotto dagli esperti della School of Hospitality Business Management della Washington State University, ha analizzato la percezione della felicità esaminando i vari comportamenti dei viaggiatori. Considerando che sono comunque molti i fattori che influenzano la percezione del benessere – come gli affetti, la soddisfazione lavorativa, le buone relazioni sociali e la famiglia – il team ha rilevato come le esperienze di viaggio rappresentano un punto importante per ogni individuo.

Grazie ad una serie di sondaggi e sperimentazioni realizzati nell’arco di un anno su 500 partecipanti, gli esperti della School of Hospitality Business Management hanno dimostrato che chi si muove regolarmente, soprattutto ad una distanza di almeno di 190 chilometri da casa, è il 7% più felice rispetto a chi non viaggia.

Non solo. Lo studio ha permesso di rilevare anche che chi ha provato interesse relativamente alle informazioni di viaggio e turismo, o chi ne discute spesso, mostra un atteggiamento molto più positivo rispetto alle persone che non lo fanno. Questo sarebbe possibile grazie al fatto che, facendolo, si esce dalla solita routine provando nuove esperienze stimolanti, anche a livello psicologico.

E ora che il 2021 è iniziato e non si vede l’ora di ripartire, gli scienziati consigliano alle compagnie di viaggio, alle compagnie aeree e ai resort di puntare proprio su questo aspetto nelle loro campagne sui social media. Del resto viaggiare è bellissimo, già lo si sapeva, perché non ricordare anche che fa bene all’umore e rende davvero felici?

progettare viaggi

Fonte: iStock

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Perché progettare un viaggio rende più felici: il nuovo studio