Negrar: antichi mosaici romani tornano alla luce tra i filari della Valpolicella

Un tesoro, nascosto tra le vigne, che ha entusiasmato il mondo

Ci sono voluti cento anni, ma alla fine questo tesoro di archeologia, nascosto per troppo tempo, è stato riportato alla luce: in mezzo ai vigneti di Negrar, in Valpolicella, sono stati ritrovati i resti della pavimentazione di una villa romana del terzo secolo dopo Cristo.

negrar mosaici

Pavimento a mosaico romano, Negrar – Fonte Comune di Negrar

Una scoperta archeologica sensazionale, ma non del tutto inaspettata, che è stata possibile anche grazie al lavoro dei viticoltori della zona.

Quest’area infatti, già nota per il suo patrimonio storico e culturale, era stata setacciata già nel secolo scorso, negli anni ’20, ma poi fu abbandonata a se stessa, almeno fino al 2019, quando l’archeologo Gianni de Zuccato con l’aiuto dei tecnici della Soprintendenza di Verona e le risorse del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha ripreso gli scavi.

Grazie a una campagna di carotaggio mirato nel suolo, è stato possibile identificare la posizione degli altri manufatti seppelliti sotto il terreno, ed ecco che è arrivata la tanto attesa scoperta: lì, tra le distese infinite di filari, è stato ritrovato il magnifico pavimento a mosaico romano, risalente a quasi 2000 anni fa.

I lavori, cominciati l’inverno scorso, erano stati poi interrotti durante l’emergenza sanitaria per poi essere riavviati a maggio. Con una settimana di scavi, e trincee tra i filari delle vigne, gli incredibili mosaici sono venuti alla luce. Il prossimo obiettivo è quello di scoprire l’estensione della domus romana.

negrar mosaici

Pavimento a mosaico romano, Negrar – Fonte Comune di Negrar

La scoperta è così preziosa che il sindaco di Negrar, Roberto Grison, ha fatto sapere che da questo momento in poi, diverse risorse saranno investite per portare a termine gli scavi e rendere accessibile e visibile l’area.

Si legge infatti sulla pagina Facebook del comune che: “Il risultato non arriverà a breve e occorreranno risorse rilevanti. Ma è importante, finalmente, tracciare la strada. Il Comune presterà tutta la collaborazione necessaria e ringrazia fin da ora i professionisti della Soprintendenza e i proprietari dell’area per l’unità di intenti e la disponibilità con la quale stanno perseguendo il progetto”.

E così, il prezioso territorio già calcato dagli amanti degli eno-tour, si è impreziosito maggiormente di un tesoro antico da restituire all’umanità.

Negrar

Vista di Negrar – Fonte iStock

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Negrar: antichi mosaici romani tornano alla luce tra i filari della Va...