La più grande mostra d’arte trasforma questo luogo in un museo a cielo aperto

Una mostra d'arte visionaria dove natura e tecnologia sono intrecciate in modo unico

Siete pronti a immergervi completamente nella natura fino a fondervi con essa? Il desiderio potrebbe diventare realtà. Merito dell’incredibile mostra “teamLab: A forest where Gods live”, organizzata nel meraviglioso scenario giapponese di Mifuneyama Rakuen, sull’isola di Kyushu, che quest’anno ospita ben 22 opere d’arte uniche nel loro genere. Protagonisti sono natura e tecnologia, che interagiscono in modo spettacolare.

Il collettivo teamLab si propone infatti di trasformare la natura in arte proprio attraverso il mezzo tecnologico. E in questa mostra visionaria, che durerà fino a novembre 2020, lo spettatore rimane ipnotizzato dagli effetti digitali e dai colori suadenti che lo immergono, in modo del tutto innovativo, nell’ambiente circostante.

La natura sembra rivivere sotto nuove sembianze, senza tuttavia subire manipolazioni fisiche. Grazie all’arte digitale, che è immateriale, l’ambiente non rischia infatti di essere in alcun modo danneggiato.

La mostra, che si tiene nel magico parco di 500.000 metri quadrati di Mifuneyama Rakuen, intende risvegliare la nostra consapevolezza di essere parte della natura, consapevolezza che secondo gli autori è andata persa nel corso del tempo.

Digitized Nature

A forest where Gods Live – Fonte: teamLab

E così rocce, grotte e foresta selvaggia, che qui confina con il giardino in modo ambiguo, diventano esse stesse opere d’arte in movimento, animate da cascate di colori, a celebrazione del millenario rapporto tra natura e uomo.

Digitized Nature

Digitized Nature – Fonte: teamLab

Intreccio che nella vita quotidiana non è sempre altrettanto percepibile, ma che in questo contesto privilegiato, viene messo in luce, valorizzato, evidenziato. E lo spettatore ha modo così di percepire quanto il tempo sia molto più esteso di quanto non sembri, trascendendo i confini della propria singola vita.

Sarà un’esperienza indimenticabile perdersi tra le proiezioni sulla superficie interattiva del Mifuneyama Rakuen Pond, ammirare i fiori che sbocciano e si disperdono per l’eternità su una roccia coperta di muschio, vedere l’acqua che cade su un’enorme roccia sacra riprodotta in uno spazio virtuale tridimensionale.

Digitized Nature

Digitized Nature – Fonte: teamLab

E sono solo alcune delle meraviglie che vi attendono perché la mostra è un autentico paradiso per i sensi, e per lo spirito, che ne uscirà senz’altro rigenerato.

A Forest where Gods Live, mostra che è iniziata il 22 luglio, rimarrà visitabile fino al 4 novembre 2020. Se avete occasione di raggiungere il Giappone in questo periodo di tempo, non perdetevela!

A forest where Gods Live

A forest where Gods Live – Fonte: teamLab

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La più grande mostra d’arte trasforma questo luogo in un museo ...