Questa montagna è un museo a cielo aperto

Il lato più selvaggio del Monte Bianco da esplorare in sella alla bicicletta o a passo di trekking, per immergersi in 5.000 anni di storia alle origini della montagna primordiale

Foto di Priscilla Piazza

Priscilla Piazza

Content writer

Laureata in cinema, teatro e spettacolo multimediale, oggi lavora come redattrice e social media manager freelance

Un museo a cielo aperto immerso nella natura più wild del Monte Bianco? Da oggi esiste e ve lo raccontiamo. La Thuile è una pittoresca località situata ai piedi del Monte Bianco, che da oggi è pronta a offrire ai visitatori un coinvolgente viaggio alle origini della montagna primordiale. Questa esperienza unica abbraccia oltre 5.000 anni di preziosa storia e permette di esplorare otto epoche distinte che hanno plasmato nel tempo il paesaggio di La Thuile.

Immersi nella straordinaria bellezza di una natura selvaggia, i visitatori possono immergersi nelle profondità del passato millenario della regione, esplorando a piedi o in bicicletta il lato wild del Monte Bianco.

Cos’è La Thuile Museo a Cielo Aperto

La Thuile vanta una storia ricca e lunga, con tracce archeologiche che testimoniano l’abitazione umana fin dalle epoche più remote. Per celebrare e preservare questo patrimonio culturale unico, è stato creato il progetto “La Thuile Museo a Cielo Aperto”. Questo sistema innovativo riunisce i reperti storici di oltre 5.000 anni fa in un percorso appositamente progettato, combinando il benessere della natura selvaggia con l’arricchimento culturale.

Uno dei punti focali di questo viaggio alle origini è il Colle del Piccolo San Bernardo, un’antica via di transito che ha svolto un ruolo fondamentale nell’attraversamento delle Alpi occidentali nel corso dei secoli. Situato a 2188 metri di altitudine al confine tra Italia e Francia, il Colle del Piccolo San Bernardo è testimone di numerosi reperti archeologici che raccontano la storia delle antiche civiltà che hanno abitato il lato wild del Monte Bianco.

Per comprendere appieno la montagna primordiale e i suoi 5000 anni di storia, è necessario iniziare dal suo passato più remoto, rappresentato dal monumento megalitico chiamato Cromlech. Questo sito archeologico unico in Italia è composto da 43 pietre disposte in cerchio e si trova sopra il Lago di Verney. Il Cromlech fungeva da punto di incontro e comunicazione per le popolazioni che abitavano la regione, oltre a essere un importante punto di passaggio al confine.

Successivamente, i Romani costruirono una strada che collegava Milano, capitale imperiale, con Lione, capitale delle Gallie. Questa via divenne un capolavoro di architettura romana nella Valle d’Aosta. A simboleggiare la presenza romana sul Colle del Piccolo San Bernardo c’è la Colonna di Giove, alta quattro metri e visibile da lontano, sulla quale fu eretta la statua di San Bernardo di Mentone, arcidiacono di Aosta. Inoltre, le rovine delle “Mansiones” risalenti al I secolo a.C., precursori dell’Ospizio fondato da San Bernardo intorno al 1100 d.C., fornivano riparo e ristoro ai viaggiatori e agli animali. L’Ospizio rimase in attività come casa ospitaliera fino alla Seconda Guerra Mondiale. Oggi, la struttura ospita l’Ufficio Internazionale di Informazioni Turistiche e il Museo della Storia del Colle, della Valdigne e della Savoia.

La Thuile, Monumento alla memoria degli ex internati
Fonte: Cristina Argirò
Il Monumento alla Memoria degli ex internati a La Thuile

Cosa vedere lungo il percorso

Oltre alle tracce storiche, un’altra testimonianza del passato che ha dato vita a questo luogo montano da ammirare lungo questo itinerario è il Giardino Botanico di Chanousia, creato nel 1897 dall’abate Pierre Chanoux, rettore dell’ospizio e appassionato di alpinismo e botanica. Questo giardino, situato su un terreno italiano ma in territorio francese, è il giardino più alto d’Europa. Fondato con l’obiettivo di preservare la bellezza e le specie alpine a rischio di estinzione, ospita oggi oltre 1000 piante alpine da ammirare tra luglio e settembre.

I resti delle fortificazioni visibili lungo i sentieri che conducono dalla città verso il Colle del Piccolo San Bernardo o verso il Colle San Carlo testimoniano il ruolo strategico di La Thuile come baluardo contro le invasioni provenienti dalla Francia durante il periodo sabauda. Questi includono il Forte di Santa Barbara e il Forte di Traversette, mentre i numerosi bunker sparsi nel territorio ricordano le battaglie cruente della Seconda Guerra Mondiale.

La miniera Granier è un altro highlight da non perdere durante questo viaggio nella natura del Monte Bianco: agli inizi del Novecento qui veniva estratto il carbone e ancora oggi è possibile osservare i binari della ferrovia e i carrellini usati dai minatori. Nei pressi della miniera c’è spazio anche per una sosta, consumando uno snack e ammirando lo spettacolare panorama circostante.

Infine, è possibile visitare anche alcune cappelle risalenti al periodo compreso tra il XVII e il XIX secolo, nonché il Maison Musée Berton, una casa museo inaugurata nel 2015 e che ha sede all’interno di una villa privata.

Il lato tech della natura

Grazie alla collaborazione con komoot, il Museo a Cielo Aperto di La Thuile offre ai visitatori la possibilità di utilizzare mappe dettagliate (2D e 3D), tracce GPS e navigazione su tutti i dispositivi (smartphone e smartwatch). Queste risorse permettono di scegliere percorsi predefiniti o personalizzabili in base alle preferenze individuali, offrendo un’esperienza eccezionale nel suggestivo Monte Bianco con la migliore tecnologia disponibile.

Inoltre, l’app gratuita Espace San Bernardo fornisce una completa gamma di funzionalità, inclusi sentieri GPS e informazioni sulle piste ciclabili. L’app offre anche dettagli sui servizi disponibili nella zona e consente di condividere le proprie esperienze nel meraviglioso contesto del Monte Bianco. Registrandosi e scaricando l’app, è possibile creare un profilo personale, tracciare l’itinerario della propria giornata in mountain bike con il tracker GPS e scoprire tutti i dettagli sulle proprie prestazioni.

Infine, Funivie Piccolo San Bernardo mette a disposizione i suoi impianti di risalita durante tutta l’estate, con tariffe adatte a ogni esigenza, per agevolare l’accesso all’area del Piccolo San Bernardo attraverso un percorso panoramico. Inoltre, sono disponibili navette per agevolare gli spostamenti senza l’uso dell’automobile. Questo servizio include due collegamenti tra il Colle San Carlo, il centro, La Joux e il Colle del Piccolo San Bernardo.