Torino: l’Internazionale d’Arte Contemporanea si farà online. Questi gli eventi imperdibili

L'arte è salva: un'esperienza immersiva, completa e inedita attende tutti i cittadini di Torino e d'Italia

La bellezza salverà il mondo e lo farà attraverso l’arte e la cultura che non si ferma neanche durante i tempi del Coronavirus. Lo dimostra la città di Torino confermando la sua vocazione e la dedizione nei confronti di tutte le arti attraverso l’edizione 2020 dell’Internazionale d’Arte Contemporanea.

Nonostante, infatti, le incertezze del periodo, la città italiana si è reinventata proponendo in versione Unplugged, una formula totalmente nuova per mettere in scena manifestazioni, eventi e mostre di musica, design, fotografia e performance. Un progetto inedito, ibrido e flessibile che consente ai cittadini italiani di non rinunciare alla bellezza, grazie a un device e a una connessione.

È stata, infatti, messa online un’inedita piattaforma cross-mediale, realizzata in collaborazione con la Fondazione Compagnia di San Paolo, che ha trasformato la fiera in un’immersiva e completa esperienza digitale. Artissima Internazionale d’Arte Contemporanea per l’edizione 2020 presenta le sezioni Present Future, curata da Ilaria Gianni e Fernanda Brenner, Back to the Future, curata da Lorenzo Giusti e Mouna Mekouar, e Disegni, curata da Letizia Ragaglia e Bettina Steinbrügge, sulla piattaforma Artissima XYZ online dal 3 novembre al 9 dicembre 2020.

Artissima

Artissima Unplugged – Fonte Ufficio Stampa

Le sezioni curate sono ospitate all’interno di uno spazio virtuale che va oltre la classica struttura delle viewing-room e dei cataloghi digitali, offrendo contenuti freschi ed esperienziali per approfondire il lavoro di tutti i principali attori coinvolti: dalle gallerie, agli artisti, ai curatori. Tre sezioni e trenta artisti per trenta gallerie: Present Future, Back to the Future e Disegni.

Al suo interno possiamo conoscere anche Folle, un progetto digitale di riscoperta e valorizzazione dell’Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo che riunisce, su una piattaforma online dedicata, 26 fotografie scattate tra il 1930 e il 1980 che catturano diversi momenti di aggregazione sociale e che raccontano le trasformazioni sociali e politiche del Paese.

Sarà inoltre disponibile online il catalogo di Artissima che mostrerà al mondo i lavori che le gallerie selezionate per l’edizione 2020 della fiera avrebbero portato in stand oltre a quelli allestiti nelle mostre di Stasi Frenetica presso la GAM, Palazzo Madama e il MAO.

Torino arte

Artissima – Fonte Ufficio Stampa

Il nome della piattaforma, XYZ, che evoca gli assi del sistema cartesiano, richiama l’approccio pluridimensionale e crossmediale adottato dalla piattaforma; l’obiettivo è quello di restituire l’esperienza fisica grazie allo spazio virtuale.

Sarà aperta a un pubblico ristretto, invece, l’esposizione organizzata dall’associazione Kaninchen – Haus e dagli artisti del programma di residenza 2020, realizzato con il sostegno di MiBACT e SIAE, nell’ambito dell’iniziativa Per chi crea. Una mostra chiusa ai cittadini ma aperta a tutti gli abitanti del condominio-museo allestito nello stabile di Via S. Giovanni Battista La Salle 16 a Torino.

Un gesto unico in tutta la storia delle manifestazioni artistiche, ma dal grande valore simbolico che testimonia quanto l’arte possa creare vicinanza, identità e offrire rifugio nei momenti di maggiore incertezza.

mostra condominio

Condominio-museo – Fonte Ufficio Stampa

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Torino: l’Internazionale d’Arte Contemporanea si farà online....