PROMO

Gonfiore addominale in viaggio? Ecco i rimedi

Gonfiore addominale in viaggio: come combatterlo? Scegliendo gli alimenti adeguati e i giusti integratori. Ecco quali sono

Insonnia, allergie alimentari, stitichezza, punture d’insetto, raffreddore: sono tanti i disturbi di salute che possono insorgere durante una vacanza.

Tra questi, uno dei più comuni è il gonfiore addominale da viaggio, che può essere causato da un’alimentazione errata, dal cambio repentino di abitudini o dallo stress accumulato in occasione della partenza.

Si manifesta con un senso di pesantezza e di pancia gonfia, causati dalla presenza di una quantità eccessiva di gas all’interno del tratto digerente, e nello specifico nell’intestino. Spesso il gonfiore addominale è accompagnato da altri sintomi come nausea, dolore, stitichezza, eruttazioni e flatulenze. Questi disturbi possono rovinarti seriamente le vacanze, perciò ti consigliamo di prevenirli affidandoti agli alimenti giusti e ad una serie di sostanze e integratori mirati.

Gonfiore addominale in vacanza: gli alimenti da evitare e preferire

Una delle prime cause della pancia gonfia è l’alimentazione scorretta. Quando siamo fuori casa, oltre a cambiare abitudini alimentari, è più facile aumentare le dosi, mangiare velocemente, bere bevande gassate, caffè e alcolici. Se già sei predisposto al gonfiore addominale, ti consigliamo di preferire durante il viaggio gli alimenti che possano prevenire o bloccare il disturbo.

Innanzitutto, è consigliabile non eccedere con alimenti a base di carboidrati complessi e lieviti, come panini, pizzette e derivati. Altri alimenti che favoriscono la fermentazione intestinale, con relativa produzione di gas sono broccoli, peperoni, patate e anche i vari tipi di cavolo. Al loro posto, è meglio preferire un menu leggero composto da pesce e carni magre con un contorno di finocchi. Per merenda puoi consumare uno yogurt che, grazie alla presenza di fermenti lattici, favorisce l’equilibrio della flora batterica intestinale.

Esistono poi diverse tisane e integratori alimentari contro il gonfiore addominale.

Pancia Gonfia in viaggio: tisane e integratori efficaci

Immagina di tornare in Hotel dopo una giornata intensa tra tour per la città, shopping e magari un pranzo frugale in un bar del centro. Potresti essere la persona più felice e soddisfatta del mondo, se non fosse per l’addome duro e gonfio che non ti lascia riposare.

Niente è perduto: puoi farti una bella tisana calda in grado di far rilassare mente e organismo. Tra le più efficaci spiccano quelle al finocchio. Grazie alle proprietà carminative, questo alimento inibisce la fermentazione batterica che causa l’aumento di gas. Ma puoi affidarti anche alla classica camomilla e a decotti di menta o melissa, che puoi utilizzare anche per condire i piatti al posto del sale.

Accanto alle tisane non mancano tanti integratori per il gonfiore addominale. Questi prodotti non sostituiscono la dieta, ma possono aiutarti a prevenire la fastidiosa sensazione di pancia gonfia.

Il mercato offre tanti tipi di integratore per la pancia gonfia, tra quelli che puoi portare in viaggio con te c’è anche Enterogermina Gonfiore, che potrebbe aiutare il tuo intestino grazie ad una tripla azione data dall’azione combinata di probiotici, enzimi digestivi, menta e coriandolo. Ecco come funzione Enterogermina Gonfiore:

  • Regola la motilità intestinale, ovvero ti permette digerire più facilmente anche gli alimenti particolari, speziati e un po’ pesanti che ami assaggiare in vacanza
  • Elimina i gas intestinali, evitando proprio la fermentazione e quindi pesantezza e gonfiore addominale
  • Aiuta il metabolismo dei carboidrati, questo permetterà agli alimenti di trasformarsi più facilmente in energia.

In conclusione, seguendo un’alimentazione corretta e integrando le sostanze più adeguate al tuo intestino, potrai vivere serenamente il tuo viaggio dimenticando una volta per tutte il gonfiore addominale.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Gonfiore addominale in viaggio? Ecco i rimedi