Ora si può dormire per una notte nella Maison Bleue di Monet

Airbnb apre le porte al pubblico della Casa Blu di Monet a Giverny. Ecco quanto costa dormire in questo luogo d'ispirazione

Un viaggio nella vita privata di Claude Monet, avendo la possibilità di soggiornare in quella che fu la sua casa per 40 anni.

Conoscere un artista vuol dire anche ripercorrerne le tracce, andando a indagare in quella che fu la sua vita. Per comprendere al meglio il processo creativo di Monet è possibile recarsi presso la celebre Maison Bleue. Questa fu la sua abitazione per 40 anni. Entrarvi vuol dire mettere piede nel suo mondo privato, tra gli splendidi laghetti, i tantissimi fiori e il verde che domina tutto.

Maison Bleue di Monet

In precedenza era possibile recarsi a Giverny, in Normandia, raggiungere la “Casa Blu” e apprezzarne il giardino e, per pochi istanti, le camere interne. Situazione a dir poco stravolta per i turisti, che si ritrovano ad avere la possibilità di soggiornare nella dimora dell’artista, prenotando l’intera Maison Bleue per circa 200 euro a notte. Una cifra tutto sommato accettabile, considerando il valore del luogo, il che offre la possibilità di cimentarsi in quest’avventura a tutti gli appassionati o semplici curiosi. Costo che si abbassa ulteriormente nel caso in cui si voglia affittare soltanto il piano terra.

La possibilità viene concessa da Airbnb, che conduce i turisti in questo angolo di natura e pace, nel cuore di Giverny, che seppe ispirare Monet in maniera così forte. Una proposta davvero intrigante per chi abbia intenzione di trascorrere una breve vacanza al di fuori dei classici standard. Un vero e proprio passaggio obbligato per chiunque abbia dentro sé una vena artistica.

Monet ne entrò in possesso sul finire del XIX secolo, rapito più dall’area verde che dalla struttura. Visse pienamente quel luogo e il suo terreno, che coltivava personalmente, adorando cucinare le proprie verdure. Guardando alla struttura della “Casa Blu”, questa vanta tre camere da letto e quattro bagno. Il tutto dominato da una colorazione decisa, il blu elettrico. La casa può ospitare fino a un massimo di sei ospiti, che potranno godere di un ambiente del tutto ristrutturato nel 2016.

Maison Bleue di Monet

Chi dovesse prenotare soltanto il piano terra, potrà sfruttare una cucina, due soggiorni e una camera da letto con bagno. Altre due camere da letto e due bagni sono presenti al primo piano. Nei salotti è possibile apprezzare lo splendore dei camini, mentre la cucina è un misto tra passato e presente, con tanto legno ed elettrodomestici in acciaio inossidabile. Non è chiaro con quale frequenza Monet frequentasse la casa, se vi dormisse periodicamente o la sfruttasse quasi soltanto per coltivare. Per più di 40 anni però fu un luogo visitato dall’artista ripetutamente, e soprattutto sua fonte d’ispirazione.

Maison Bleue di Monet

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ora si può dormire per una notte nella Maison Bleue di Monet