Dove andare per il Ponte dell’Immacolata in montagna

Per il Ponte dell’Immacolata del 7 e 8 dicembre 2018 aprono gli impianti sciistici delle principali località delle Alpi

Per il Ponte dell’Immacolata del 7 e 8 dicembre 2018 aprono gli impianti sciistici delle principali località di montagna.

Se siete appassionati di sci o anche solo amate le ciaspolate nella neve, ecco le migliori mete delle Alpi dove trovare la neve.

L’Aprica, in Valtellina, è la meta perfetta per gli appassionati della neve e dello sport. Aria buona, sole, neve assicurata da dicembre ad aprile, 50 km di piste accuratamente battute, provviste di innevamento artificiale che scendono da quota 2.300 metri fino in paese, collegate tra loro, per correre sugli sci, da una parte all’altra della ski area di Aprica&Corteno. Gli sciatori più preparati si mettono alla prova tra piste rosse e nere, come il “Pistone” della Magnolta, mentre chi si vuole godersi il panorama si diverte sulla Superpanoramica di oltre 6 km del Baradello. Aprica è ideale anche per le famiglie con bambini: nel paese si trova infatti la zona Campetti, un vero e proprio paradiso per i piccoli sciatori che si avvicinano allo sci per la prima volta.

Pila, in Valle d’Aosta, è rinomata per l’esposizione riparata che garantisce di sciare per tutta la stagione tra i 1.800 e i 2.700 metri su 70 km di piste del comprensorio fatto di 4 piste nere, 21 rosse e 4 blu. A quota 2.200 metri, poco sopra il paese, si trova anche lo snowpark Areaeffe, un’area freestyle per gli acrobati della neve che praticano slopestyle, sci e tavola. Ma tante sono anche le attività sulla neve per chi non scia come le escursioni con le ciaspole condotte da una Guida Naturalistica. Pila è anche una stazione sciistica molto attenta al divertimento dei bambini e ogni anno propone novità per i più piccoli come il fun park.

Limone Piemonte, in provincia di Cuneo, a metà strada tra la Costa Azzurra e le Alpi, è una stazione sciistica tra le più nevose d’Italia, tanto da essere soprannominata “la regina delle Alpi Marittime”. Con oltre 80 km di piste da sci, fa parte del comprensorio sciistico della Riserva Bianca, adatto ai principianti come ai più esperti sciatori e persino a chi ama il fuoripista. Si scia tra i 1.050 e i 2.100 metri con un innevamento naturale durante tutta la stagione invernale su 2 piste nere, 6 rosse e 8 blu per lo sci alpino. L’Artesina, detta anche “la stazione a metri zero”, è la perfetta destinazione per una vacanza in famiglia. E sulla pista di Prato Nevoso si può sciare sotto le stelle tutti i martedì, giovedì, venerdì e sabato dalle 20 alle 23.

Selva di Val Gardena, in Alto Adige, si trova in una posizione spettacolare, sotto il massiccio del Sella, nel cuore delle Dolomiti. Paesaggio a parte, la valle di Selva fa parte dei “Leading Mountain Resorts of the World” grazie all’eccellente qualità dei servizi offerti. È un paradiso sciistico sia per i principianti sia per i campioni della coppa del mondo. Proprio sulla discesa Cir più di cent’anni fa vi si svolse la prima gara ufficiale di sci e nel 1970 i Campionati del Mondo. L’area sciistica della Val Gardena fa parte del Dolomiti Superski, l’associazione formata da 12 comprensori sciistici a cui si può accedere con un unico skipass. Con 500 km di piste connesse è il più grande impianto sciistico del mondo. L’innevamento artificiale viene programmato sul 98% delle piste, la presenza di neve è perciò garantita durante tutta la stagione. Si può sciare quindi su alcune delle piste più celebri, come la Saslong lunga 3,4 km con 839 metri di dislivello e il Sella Ronda, famoso per i suoi 26 km di percorso intorno al Sella. È una meta di montagna perfetta per le famiglie: i bambini si divertiranno con lo slittino e tra le bancarelle dei mercatini di Natale.

Aprica-inverno

Dove andare per il Ponte dell’Immacolata in montagna