Diego: la tartaruga ultracentenaria ha salvato la sua specie. Adesso può tornare a casa

Dopo una lunga carriera da play boy e 2000 figli, Diego torna a casa

Oltre cento anni di età, una famiglia numerosa e un curriculum da vero latin lover, corredato però dalle migliori intenzioni: lui è Diego, la tartaruga Chelonoidis hoodensis, al quale va il merito di aver salvato la sua specie dall’estinzione.

Circa sessanta anni fa, il casanova del mondo animale, arrivava sull’Isola di Santa Cruz insieme ad altri 25 esemplari della sua specie, scelti per il programma di ripopolamento del territorio. Ora, dopo decenni di attività di riproduzione, la missione è stata compiuta: solo Diego, infatti, ha generato oltre 2000 bambini, salvando la sua specie dal rischio di estinzione.

E dopo una lunga attività amorosa, e la nascita di migliaia di tartarughine, la meritata pensione per il maschio alfa è arrivata, ma non solo. Diego ora può tornare a casa sua, a Espanola, isola disabitata considerata tra le più antiche e incontaminate delle Isole Galapagos che, come si legge da un twitter lanciato dal ministro ecuadoregno dell’Ambiente, Paulo Proano Andrade, è atteso a braccia aperte.

La tartaruga, insieme ad altre colleghe della sua specie, era arrivata sull’isola di Santa Cruz nel 1960, subito dopo il lancio del programma di riproduzione del parco delle Galapagos. Secondo le stime, da solo Diego ha contribuito alla nascita del 40% delle tartarughe oggi in vita, attività questa che gli ha fatto guadagnare l’appellativo di play boy.

Tutto merito della sua prestanza fisica, la tartaruga infatti vanta 80 chili di robustezza, 90 cm di lunghezza e un’altezza di 1,5 metri, particolarmente apprezzata poi, dagli esperti del programma, la sua libido.

Prima di ricongiungersi con la sua terra d’origine però, Diego e le sue colleghe, dovranno osservare un periodo di quarantena per evitare di portare sulla Isla Espanola, semi di piante che non sono native del territorio.

Il territorio dell’isola infatti, così come tutte le Galapagos, iscritte al Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco, è rinomata per la preziosa biodiversità, qui vivono specie vegetali e animali uniche al mondo. Tra queste anche le tartarughe giganti Chelonoidis hoodensis che, prima del programma di ripopolamento, rischiavano l’estinzione definitiva. Solo 50 anni fa infatti, risultavano in vita 2 esemplari maschi e 12 femmine.

E ora, le Isole Galapagos, possono vantare una preziosa colonia di tartarughe giganti, quasi tutte discendenti di Diego.

Diego, la tartaruga

Diego, la tartaruga Chelonoidis hoodensis – Fonte Getty Images

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Diego: la tartaruga ultracentenaria ha salvato la sua specie. Adesso p...