Il Natale nella città-presepe è magico

Le luci degli alberi sono state accese illuminando di magia la città di Assisi che si è trasformata in un presepe diffuso a cielo aperto

Il countdown è quasi terminato, è lui che ci ricorda che mancano pochissimi giorni alla notte più magica dell’anno. Ma lo fanno anche tutte quelle atmosfere incantate che ci hanno accompagnato durante il periodo dell’Avvento permettendoci di diventare i protagonisti di una favola natalizia senza eguali.

Insomma, abbiamo ancora qualche giorno per toccare con mano il miracolo di Natale che ha preso vita intorno a noi, lo stesso che ha trasformato le città di tutto il mondo in cartoline di immensa bellezza.

I luoghi da raggiungere e da esplorare sono tantissimi, e sono uno più bello dell’altro. Ma se è un’esperienza suggestiva e autentica che volete vivere questo Natale, il consiglio è quello di restare nel BelPaese per raggiungere un luogo meraviglioso che con la sua storia, il suo fascino e le sue tradizioni vi permetterà di vivere una favola mistica e surreale, una città-presepe che è davvero un incanto.

Assisi: un Natale senza tempo

Il nostro viaggio di Natale ci conduce tra i territori dell’Italia centrale, proprio lì, tra le colline umbre, dove è nato San Francesco. Ci troviamo ad Assisi, una città mistica, suggestiva e spirituale che con il suo incredibile patrimonio storico, artistico e culturale incanta e sorprende da sempre. Qui, infatti, si erge in tutta la sua bellezza la celebre basilica di San Francesco, una maestosa chiesa che risale al 1253 e che ospita i capolavori duecenteschi di Giotto e Cimabue, affreschi che raccontato la vita di San Francesco, e il sarcofago del Santo.

Organizzare un viaggio ad Assisi è sempre un’ottima idea, non solo per quel patrimonio artistico e culturale che la città ospita, ma anche per quella cornice naturale che si snoda tutto intorno, e che è caratterizzata da colline sinuose e campagne sterminate che si perdono all’orizzonte.

Organizzare un viaggio qui, dicevamo, è davvero un’ottima idea, in ogni periodo dell’anno e in tutte le stagioni. Eppure è a Natale che la città sembra trasformarsi in un luogo senza tempo dove la storia, le tradizioni e le bellezze del territorio si connettono all’unisono trasformando Assisi in una città-presepe che incanta e che emoziona.

I presepi di Assisi
Fonte: Ansa
I presepi di Assisi

Una città-presepe che incanta

Le luci di Natale si sono accese su Assisi, trasformando la città in un grande presepe a cielo aperto. Grazie alla tecnica del video mapping, infatti, i più importanti monumenti urbani sono stati completamente invasi da proiezioni di immensa bellezza. Si tratta delle scene di vita di San Francesco, proprio quelle raffigurate da Giotto nei suoi celebri affreschi, che raccontano la vita del Santo in maniera inedita e sorprendente sulle chiese e sui principali monumenti della città.

Ma non è tutto perché qui ci sono anche i presepi viventi, quelli monumentali e quelli artistici che hanno già trasformato Assisi in una città-presepe in tutto e per tutto. Oltre alle proiezioni sulle facciate degli edifici iconici, infatti, numerose statue della Natività sono state collocate in prossimità delle chiese della città inaugurando così un presepe urbano diffuso. Iconico è anche il presepe allestito nella piazza inferiore della Basilica di San Francesco, proprio sotto l’albero di Natale che ha acceso la magia in città.

Non manca, inoltre, la raffigurazione di un presepe vivente per celebrare l’ottavo centenario della morte del Santo. Il 23 dicembre, nei pressi della Basilica di Santa Maria degli Angeli, la Natività prenderà vita. Ma questo non sarà l’unico appuntamento imperdibile a Natale, Assisi infatti ospiterà mostre, eventi musicali, spettacoli e tanti altri eventi che consentiranno ai viaggiatori di scoprire e di riscoprire i luoghi iconici del territorio.

Che la splendida Assisi si sia trasformata in un presepe a cielo aperto non ci stupisce, del resto la città ha fatto suo il compito di perpetuare la tradizione dei presepi inaugurata proprio da San Francesco a Greccio. È stato il Santo, infatti, a realizzare la prima Natività della storia nel lontano 1223.

Basilica di San Francesco, Assisi
Fonte: Ansa
Basilica di San Francesco, Assisi