Camper sharing: come funziona la nuova tendenza di viaggio

Viaggi sicuri, in totale libertà, per scoprire il territorio con lentezza: ecco come funziona il camper sharing e perchè piace tanto

Viaggiare in camper è un’esperienza unica al mondo, da provare almeno una volta nella vita. Tra i tanti vantaggi consente di muoversi in autonomia, senza per forza doversi attenere a itinerari prestabiliti. E, se non si vuole acquistare il camper, in soccorso c’è una nuova pratica che si sta imponendo come una nuova tendenza di viaggio per le prossime vacanze, non solo estive.

Si tratta del camper sharing e prevede l’utilizzo condiviso del mezzo, ovviamente seguendo rigorose regole relative alla pulizia. Una pratica che permette di viaggiare in totale libertà, nel rispetto delle distanze sociali, senza eccessive spese, risparmiando sui costi di pernottamento ed evitando il pensiero di manutenzioni a mezzi propri, oltre alla possibilità di evitare i circuiti turistici standard.

Un trend sempre più in voga come dimostra anche la piattaforma di camper-sharing Yescapa che, già a partire dall’inizio del mese di giugno, ha registrato un aumento del 150% di visite rispetto allo stesso periodo nel 2019. Le richieste e le prenotazioni arrivano sia dai veterani dei viaggi in camper sia da chi chi ha scelto di provare l’esperienza “on the road” per la prima volta. Questo per periodi anche brevi di quattro/cinque giorni al massimo. Un modo che permetterà loro di rimettersi in viaggio più spesso e verso nuove destinazioni.

camper-sharing-guida

Il camper è sinonimo di libertà @123rf

Una tendenza che piace in particolar modo a giovani famiglie ma anche coppie, con un’età media intorno ai 35 anni. Le mete preferite? Oggi come oggi gli italiani hanno voglia di riscoprire le bellezze del proprio Paese mostrando preferenze soprattutto per il Sud Italia verso le spiaggie da sogno della Costiera Amalfitana, la Sardegna, con le sue spiagge della Riviera del Corallo. O ancora, la Sicilia, con le sue mete low cost, ma anche le Dolomiti verso mete economiche per l’estate. Solo esempi, questi, perché viaggiare in camper offre la possibilità di esplorare giorno dopo giorno luoghi nuovi e inaspettati.

Questo è dunque il momento della vacanza all’aria aperta, di turismo en plein air, fatto di camper, campeggi, tende, glamping, relax e lentezza come conferma anche Indie Campers, tra le principali realtà nel noleggio camper in Europa e in Italia. Confermata la tendenza dei viaggi nel Belpaese, l’azienda sottolinea quanto oggi sia sicuro viaggiare in camper grazie, per esempio, al check-in online, riducendo al minimo la necessità di contatto tra personale e clienti. Anche per quanto riguarda la pulizia non c’è da temere. Proprio Indie Campers ha deciso di adottare una nuova politica di igiene in tre fasi, che parte dall’isolamento del veicolo per 12 ore con detergenti specifici fino al controllo finale e sigillo “ready to go”. Operazione simile adattata, se pur con qualche differenza da azienda ad azienda, anche agli altri operatori di camper sharing.

Viaggi sicuri, ma anche sostenibili, da vivere nel totale rispetto della natura e alla scoperta delle peculiarità dei luoghi, delle tradizioni e dell’autenticità. Un modo, ad esempio, utile per scoprire borghi e natura delle Marche o i gioielli della Calabria ,ma sopratttutto un nuova formula che piace agli italiani, come dimostra la piattaforma di turismo rurale Agricamper Italia. Grazie a questa realtà è possibile soggiornare in oltre 140 strutture private diffuse in tutto il territorio nazionale, come fattorie, aziende agricole e vitivinicole, agriturismi ed altre attività ricettive. Un modo per entrare in contatto con le aziende del Made in Italy, con le persone, scoprire ed assaggiarne eccellenze culinarie e prodotti tipici, oltre a provare esperienze nuove come corsi di cucina locale oppure visite in cantina.

La scoperta dell’italianità e delle origini piace e l’innovativa piattaforma di camper sharing Goboony, ha lanciato l’iniziativa #IorestoinItalia. Un modo per sostenere le vacanze nel proprio Paese, non molto lontani da dove si abita, per un turismo di prossimità e nei luoghi naturalistici italiani. Un modo diverso per provare esperienze uniche che si potranno protrarre non solo nei mesi estivi, ma anche nei mesi di settembre e ottobre per piacevoli evasioni dalle città. Inoltre, un altro interessante vantaggio dei camper è non dover seguire itinerari prestabiliti e se in viaggio, quindi, si passa davanti ad un luogo che vale la pena visitare, ci si può fermare poiché non ci sono vincoli o legami.

Camper Sharing come funziona la nuova tendenza viaggio

Fonte: Yescapa

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Camper sharing: come funziona la nuova tendenza di viaggio