Il borgo del Molise che regala vacanze: boom di richieste

Per tutta l’estate soggiorni gratis nelle antiche case del suggestivo borgo molisano

Quest’estate sarà quella dei borghi. Lo dicono tutti. Spot Tv, buon senso di ciascuno di noi e comunque anche la difficoltà nell’organizzare altri tipi di viaggi. I lettori di SiViaggia sono impazziti per i nostri consigli sui borghi della Liguria a due passi dal mare: come dire, spiaggia sì, ma poi distanziamento sociale e poca gente intorno.

Chi non va in Liguria può prendere in considerazione il Molise. Perché? Ebbene, in questa Regione la vacanza te la regalano. Proprio qualche giorno fa il borgo di San Giovanni in Galdo in provincia di Campobasso ha lanciato l’appello: “Regalati il Molise” ideato e promosso dall’associazione “Amici del Morrutto” insieme all’amministrazione comunale. Ed è stato un grandissimo successo, tanto che nel Comune c’è stato subito un boom di richieste.

In centinaia hanno chiamato, fin dal primo giorno, sia dall’Italia sia dall’estero per trascorrere una vacanza gratis in questo splendido borgo molisano che conta meno di 600 abitanti e che si inerpica sulla montagna lasciando ancora intravedere tracce della sua antica a ricca storia.

Nella metà del XV secolo, una grande frana divise il paese in due inghiottendone una parte e ritagliando la zona del “Morrutto” (da “muro rotto”). La parte più antica è sorta intorno alla chiesa di San Giovanni Battista e sono ancora evidenti l’antico palazzo abbaziale (Palazzo Ruffo), tracce delle antiche mura e un tessuto edilizio minuto, caratteristico di molti centri storici molisani.

Le prime tracce di un insediamento nel territorio di San Giovanni in Galdo si possono fare risalire al II secolo a.C. quando fu costruito sul Colle Rimontato, nel pressi dell’attuale centro abitato, un tempietto di cui è ancora possibile individuare i resti. Alle porte del borgo si trova un sito archeologico importantissimo ma poco conosciuto: il tempio italico risalente al III secolo a.C. in epoca sannitica e scoperto solamente negli Anni ’90.

Se per gli italiani è un’occasione unica, per gli stranieri, già stuzzicati da un recente articolo del New York Times che invitana tutti a scoprire il Molise,

Per tutta l’estate saranno offerti 40 soggiorni di una settimana ciascuno, tra i mesi di luglio e settembre, nelle antiche case del suggestivo borgo.

“Chi sceglierà di accettare questa scommessa”, scrivono sul sito dell’associazione “hanno sottolineato i promotori del progetto – scoprirà un paese con una qualità della vita eccellente, dove tutto è ancora scandito dalla natura che circonda il borgo, un borgo che si trova tra l’altro in una posizione strategica, a 40 minuti dal mare e dalla montagna, a 2 ore da Roma e da Napoli”.

“La comunità locale metterà a disposizione tre abitazioni e gli ospiti non dovranno preoccuparsi di nulla, se non di andare alla scoperta delle bellezze del Molise, della sua storia e della sua enogastronomia”, scrivono.

Per partecipare basta non essere residenti in Molise e non avere case e parenti in Regione. Bisognerà indicare anche le motivazioni alla base della decisione di voler scoprire il Molise. Per aderire è necessario riempire e inviare via mail l’apposito modulo disponibile sul sito dell’associazione.

L’iniziativa è un progetto pilota e ha lo scopo di valorizzare quei piccoli borghi dove molto spesso non esistono strutture ricettive. Da San Giovanni in Galdo l’obiettivo è di poterlo mutuare, dal prossimo anno, ad altri borghi del Molise e non solo per creare una rete dell’ospitalità a costo zero in tutta la Regione, dove oggi sono centinaia le case nei centri storici ormai chiuse da anni per via dello spopolamento. Sono già diversi i Comuni, non solo molisani, infatti, che hanno chiesto di aderire al progetto.

san-giovanni-galdo-molise-vacanze-gratis-estate-2020

@Comune San Giovanni in Galdo

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il borgo del Molise che regala vacanze: boom di richieste