Aeroporto di Hong Kong, arrivano le cabine total body prima dell’imbarco

Al via i test sul CleanTech, una cabina igienizzante che ci consentirà di muoverci liberamente da un capo all'altro del nostro pianeta

Ancora non sappiamo esattamente come e quando torneremo a volare. Eppure, il mondo degli aeroporti e delle compagnie aeree sta lavorando per far sì che si possa esplorare il mondo in tutta sicurezza. Numerose le novità al riguardo, a partire da Fiumicino, dove gli addetti misureranno la temperatura corporea dei passeggeri con un metodo altamente moderno.

Molti Paesi esteri sono pronti ad aprire le frontiere, è il caso dell’Egitto che ha messo a punto un piano strategico per garantire un turismo sicuro nel 2020, delle Maldive che hanno le idee piuttosto chiare su quando e come far tornare i visitatori e della Grecia, che sembra aver superato l’emergenza sanitaria.

Certo è che il nostro modo di viaggiare cambierà, almeno per il momento, e che prima di essere effettivamente in grado di salire a bordo di un velivolo dovremo superare dei test relativi al nostro stato di salute.

Un metodo innovativo è quello che si sta implementando presso l’Aeroporto internazionale di Hong Kong. Gli operatori sono al lavoro per testare una capsula automatizzata di disinfezione contro il virus, che in questo momento ci costringe a non viaggiare, e ogni altro agente patogeno.

Si tratta di una nuova tecnologia che, in pochi secondi, potrebbe igienizzare persone e oggetti prima di effettuare il check-in. In questo momento la cabina è in fase di sperimentazione e viene testata esclusivamente dal personale aeroportuale, ma nonostante questo offre già un’idea su quali potrebbero essere in futuro le procedure che ci permetteranno di prendere l’aereo in sicurezza.

Il sistema è particolarmente interessante poiché -sempre se dovesse funzionare come sembra- eliminerà batteri e virus, sia dalla pelle, sia dagli indumenti. E il fatto più sorprendente è che non avrà alcuna controindicazione per la salute.

La procedura sarà molto semplice: si entrerà nella cabina, si salirà su una pedana e un macchinario vaporizzerà, per pochi secondi, un disinfettate utile alla purificazione istantanea. Una volta terminato il processo si potrà uscire dal lato opposto del varco. Il tempo stimato complessivo è di soli 40 secondi.

Questo sistema che permetterà di disinfettare il corpo in maniera totale si chiama: CleanTech e l’Aeroporto di Hong Kong è il primo al mondo a testarlo. La cabina è rivestita con un materiale antimicrobico ed è dotata di luce ultravioletta e un vaporizzatore robotico in grado di uccidere qualsiasi virus e batterio sugli indumenti. L’operazione, inoltre, avverrà in una capsula a pressione negativa, una tecnica di isolamento utilizzata ampiamente anche negli ospedali per prevenire la contaminazione.

Il tutto è ancora in fase di studio, ma è evidente che una volta terminate le sperimentazioni necessarie, verrà presa una decisione sull’attuazione permanente o meno di questa nuova misura di sicurezza.

Insomma, sembra proprio che presto potremo tornare a viaggiare nel rispetto del prossimo e, soprattutto, con sistemi che proteggeranno la nostra salute.

body scanner sicurezza aeroporto

Body Scanner, Fonte: iStock

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Aeroporto di Hong Kong, arrivano le cabine total body prima dell&#8217...