2017, un altro anno di caldo record

L'aumento delle temperature medie planetarie sta scatenando numerosi eventi meteo-climatici estremi, dai furiosi incendi all’eccezionale stagione degli uragani.

Mario Giuliacci

Mario Giuliacci Esperto di metereologia

Come ci conferma il col Mario Giuliacci, di www.meteogiuliacci.it, il 2017 entrerà nella graduatoria delle annate più calde dell’era moderna.

“I dati raccolti e analizzati dagli esperti della NASA mostrano come anche quest’anno a livello planetario le temperature medie abbiano registrato valori decisamente più alti della norma. In particolare è molto probabile che, finito l’anno e rivisti tutti i calcoli, il 2017 si posizioni al terzo posto tra le annate più calde dal 1880 in poi, superato solo dal 2016 e dal 2015”.

Un aumento delle temperature medie planetarie che sta scatenando numerosi eventi meteo-climatici estremi, dai furiosi incendi che da mesi divampano in California all’eccezionale stagione degli uragani che ha prodotto danni record negli USA, senza dimenticare i tanti violenti nubifragi e la severa siccità che hanno colpito l’Italia negli ultimi mesi.

“In un Pianeta più caldo” conclude infatti Giuliacci “c’è anche più calore nell’atmosfera, e quindi i fenomeni atmosferici hanno più carburante a disposizione e con maggior facilità si trasformano in eventi meteo-climatici violenti. Proprio per questo in Italia le piogge stanno diventando molto più irregolari di un tempo: a lunghi periodi asciutti seguono con facilità fasi molto piovose, in cui la pioggia cade di frequente in modo violento e distruttivo”.

Mario Giuliacci Esperto di metereologia Laureato in Fisica. Dal 1969 al 1990 Ufficiale Svz meteo A.M.. Dal 1986 al 2010 Docente Fisica Atmosfera Università Milano. Dal 1995 al 2010 Direttore Centro Epson Meteo e Meteorologo Ch5. Direttore del sito meteogiuliacci.it e autore molte opere di Meteorologia.

2017, un altro anno di caldo record