Meteo: fine del maltempo, l’alta pressione si fa spazio sull’Italia

Previsioni live. Arriva sole e caldo al Nord, l'instabilità si sposta verso Sud. Aggiornamenti meteo in tempo reale

Mario Giuliacci

Mario Giuliacci Esperto di meteorologia

Il weekend vedrà più sole al Centro Nord, ma attenzione ai locali temporali diurni al Sud.

La depressione che ha portato sulla Penisola una netta ridimensionata dell’estate si appresta ad evolvere verso sud est, lasciando maggiore spazio all’alta pressione.

Una fase instabile che ha portato fenomeni a sfondo temporalesco anche violenti, un contesto meteo più tipico della stagione autunnale e abbastanza raro per questo periodo, ma facilitato dall’assenza di anticicloni che al momento non riescono ad affermarsi in modo duraturo sul Mediterraneo.

Le temperature hanno subito una netta diminuzione per effetto delle correnti fresche atlantiche in coda alla profonda depressione, ma già in queste ore è in atto un sensibile rialzo termico ad iniziare dalle regioni settentrionali, anche grazie ad una maggiore irradiazione del suolo.

Temporali e rovesci in gran parte ad evoluzione diurna continueranno ad interessare parte del territorio fino alle porte del fine settimana, generalmente localizzati verso il Meridione. Anche se non si vedono all’orizzonte vere e proprie svolte estive calde e soleggiate, come ci conferma in nostro meteorologo di MeteoGiuliacci Andrea Tura, il fine settimana ci regalerà maggiori spazi sereni, soprattutto su coste e pianure.

Weekend nel dettaglio: temporali dietro l’angolo

Il vortice depressionario raggiungerà in queste ore i mari meridionali relegando l’instabilità nella giornata di domani e sabato sulle zone interne del Centro-Sud e sulle due Isole Maggiori.

I fenomeni potranno assumere carattere di forte intensità, non escludendo colpi di vento e grandinate di una certa entità. Solo domenica si potrà apprezzare un parziale miglioramento, anche se le condizioni atmosferiche faticheranno comunque a stabilizzarsi e nubi convettive si attiveranno sui rilievi nelle ore diurne.

Nonostante un graduale aumento dei valori barici, la Penisola rimarrà foriera di ulteriori infiltrazioni d’aria fresca e instabile anche nei primi giorni della prossima settimana, proponendo già da lunedì fenomeni sulle Alpi in occasionale estensione alle pianure limitrofe del Nord; a seguire un nuovo cedimento determinerà un aumento della variabilità che scivolerà fino all’estremo Sud.

Mario Giuliacci Esperto di meteorologia Laureato in Fisica. Dal 1969 al 1990 Ufficiale Svz meteo A.M.. Dal 1986 al 2010 Docente Fisica Atmosfera Università Milano. Dal 1995 al 2010 Direttore Centro Epson Meteo e Meteorologo Ch5. Direttore del sito meteogiuliacci.it e autore molte opere di Meteorologia.

Meteo: fine del maltempo, l’alta pressione si fa spazio sullR...