Meteo: è uno dei mesi di luglio più “freddi” della storia

La settimana inizia con l’alta pressione ma già da metà settimana dovremo attenderci le prime insidie temporalesche provenienti dal Nord Europa

La settimana inizia con l’alta pressione ma già da metà settimana dovremo attenderci le prime insidie temporalesche provenienti dal Nord Europa. L’estate, insomma, quella bella, che regala giornate intere di sole e di caldo non è ancora decollata. È uno dei mesi di luglio più “freddi” della storia, in effetti. È quanto spiega l’esperto di SiViaggia Colonnello Mario Giuliacci secondo il quale ci sono almeno tre motivi per cui quest’anno ciò accade:

“La temperatura della superficie dell’acqua è più fresca della norma”, chiarisce Giuliacci “e ciò influisce sul clima dell’entroterra fino a 20-30 chilometri dalle coste. Un altro fattore dipende dalla corrente chiamata Niña: infatti, è in atto a livello del Pacifico equatoriale un anomalo raffreddamento delle acque dell’oceano. Si tratta di un’area molto vasta pertanto ha ripercussioni su tutto il Pianeta. Infine, l’anticiclone nordafricano quest’anno è in ritardo rispetto alla tabella di marcia verso il Mediterraneo, in quanto i monsoni equatoriali, che partono dal Golfo di Guinea, hanno poca spinta e quindi non riescono a sospingere l’anticiclone verso l’Italia”.

In conclusione, la vera estate – forse – deve ancora arrivare. Per il momento, ecco cosa dobbiamo aspettarci: per la prima metà della settimana l’alta pressione manterrà il tempo in prevalenza stabile sull’Italia con temperature anche in aumento. Sulle zone interne delle regioni tirreniche e delle isole maggiori si toccheranno punte di 32-34°C e addirittura 35°C in Puglia, dove chi è al mare si godrà una bellissima vacanza.

Saranno tuttavia possibili alcuni rovesci nelle ore pomeridiane sull’arco alpino e sulla dorsale appenninica, ma anche nelle zone interne delle isole maggiori.

La seconda metà della settimana, invece, vedrà la discesa del maltempo a partire dalle regioni del Nord, dai rilievi alpini alle pianure. Con le prime piogge scenderanno anche le temperature. Chi trascorre questa settimana le vacanze in montagna forse dovrà fare meno passeggiate in quota e più nei dintorni di casa o dell’hotel.

La colonnina di mercurio resterà inferiore alle medie stagionali anche nel corso del fine settimana, quando il tempo tornerà a stabilizzarsi, con il sole ma anche qualche velatura su tutta la Penisola.

Tuttavia per fare previsioni certe è ancora troppo presto, vista la particolare variabilità di questo bizzarro mese di luglio.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Meteo: è uno dei mesi di luglio più “freddi” della stori...