Meteo: tempo pazzerello, ma la settimana prossima scoppia l’estate

Instabilità fino all'inizio dell'estate, poi scoppia il caldo, soprattutto al Centro-Nord

Il mese di giugno è stato finora caratterizzato da tempo instabile, soprattutto al Nord. Alle giornate (o anche solo ore) di sole se ne sono alternate altrettante con piogge, grandinate, inondazioni e più in generale di maltempo.

Sarà ancora così fino al termine weekend. Dalla settimana prossima, invece, esploderà l’estate. L’anticiclone delle Azzorre unito a quello nordafricano stanno gradualmente puntando verso l’Europa occidentale.

Questo connubio di anticicloni limiterà lo sviluppo di fenomeni di instabilità. E, addirittura, dalla prossima settimana, quella che segna l’inizio dell’estate, l’inizio del vero caldo.

Pare infatti che non ci siano vie di mezzo in questo anomalo mese di giugno. Dopo una prima metà caratterizzata dall’instabilità e dall’aria fresca, in coincidenza – o quasi – con il solstizio d’estate torna a farci visita l’anticiclone africano. L’Italia sarà totalmente immersa nella corrente calda dell’alta pressione, specie le Regioni centro settentrionali e la Sardegna.

Il Sud, invece, risentirà seppur parzialmente di una circolazione di bassa pressione che si insedierà tra la Grecia e la Turchia e che richiamerà correnti leggermente più fresche. Queste correnti all’inizio della settimana potranno trasportare qualche ammasso nuvoloso irregolare causa di locali temporali. Poi però eentro metà settimana andranno attenuandosi per lasciare il posto al bel tempo anche qui.

Per quanto riguarda le temperature, ci aspettiamo valori massimi sopra media sulla Sardegna e sulle Regioni centro settentrionali, con punte di 34-35°C in Valpadana e nelle zone interne di Lazio e Toscana, dove il caldo potrà essere anche parecchio afoso. Temperature leggermente più basse al Sud, ma in generae entro le medie stagionali e con meno afa.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Meteo: tempo pazzerello, ma la settimana prossima scoppia l’esta...