Revenge spending: vacanze isolate ma di lusso in un castello medievale

Tra le migliori soluzioni per godersi un po' di sano e meritato relax c'è la possibilità di trascorrere qualche giorno in un castello

Ma come ora si sente il desiderio di trascorrere una vacanza mantenendo il distanziamento sociale. Anche a queste condizioni, la vacanza deve essere comunque garantita.

Tra le migliori soluzioni per godersi un po’ di sano e meritato relax c’è la possibilità di trascorrere qualche giorno in un castello. Non una semplcie casa-vacanze, ma un castello-vacanze. Tutto per voi. Poche camere, pochi ospiti, spazi esterni da sfruttare per passeggiate, bagni di sole e buone letture.

Sono molti in Italia i castelli trasformati in hotel e residenze per gli ospiti. Certo, privilegiati, ma che sicuramente valgono qualche euro in più. Questo tipo di vacanza è chiamato “revenge spending”: dopo mesi di clausura si è disposti a spendere qualcosa in più pur di godersi la vita.

Tra le dimore più belle dove soggiornare c’è l’antico Castello Malaspina di Gambaro, in provincia di Piacenza, immerso nell’Appennino, in Alta Val Nure. Si può trascorrere una vacanza in un’ala del maniero dove è stato ricavato un grande appartamento con cucina abitabile. Intorno, un borgo storico con soli 20 abitanti, dove è possibile fare trekking e passeggiate, itinerari in mountain bike, andare a pesca, andare per funghi e visitare gli altri castelli del Ducato.

Tra le vigne del Friuli Venezia Giulia c’è il Castello di Spessa di Capriva del Friuli, in provincia di Gorizia. Con la sua inconfondibile silhouette, svetta sulla cima di una piccola altura, nel cuore del Collio goriziano, terra di grandi vini e di antica storia.  Immerso nel verde di un magnifico giardino all’italiana e dalle vigne della tenuta a cui dà il nome, è il cuore di una grande proprietà di oltre 60 ettari, che si declina a perdita d’occhio in un dolce saliscendi fra vigneti, boschi e radure. Qui ha soggiornato anche Giacomo Casanova ed è luogo ideale per un ritemprante soggiorno lontano dalla folla in totale sicurezza e relax, nel rispetto delle norme di distanziamento. Infatti, si può pernottare in una delle quattro strutture indipendenti oppure nel castello dove ci sono suite arredate con mobili antichi.

Sulle colline di Salsomaggiore Terme, in provincia di Parma, si può soggiornare nel millenario Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino. È un bellissimo maniero immerso nella natura, con il grande giardino affacciato sul Parco regionale dello Stirone, in un suggestivo e tranquillo borgo medievale. All’interno ci sono solo due suite per trascorrere l’estate in un’atmosfera romantica e ricca di storia.

È un borgo diffuso quello di Rivalta, in Val Trebbia, in provincia di Piacenza. Si sviluppa intorno al castello, di proprietà dei Conti Zanardi Landi e si può soggiornare nell’hotel Torre San Martino tra i vicoli dell’antico borgo. È uno dei luoghi più integri e romantici che esistano in Italia.

Immersa nel parco del Castello di San Pietro in Cerro (PC) si può trascorrere una vacanza nella Locanda del Re Guerriero che è anche pet friendly. Conta 16 alloggi impreziositi da opere d’arte contemporanea tra le antiche mura. Nei dintorni il territorio è autentico, da scoprire attraverso escursioni a piedi, in bicicletta, a cavallo. A mezz’ora dalla locanda si trovano anche maneggi e Golf Club.

Castello-di-Spessa

Il Castello di Spessa @Fabio Pappalettera

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Revenge spending: vacanze isolate ma di lusso in un castello medievale