La spettrale Curon, location in Alto Adige della nuova serie Netflix

Nuova serie targata Netflix e ambientata in Italia. Occhi puntati su Curon Venosta e la leggenda del campanile sommerso

L’Italia è ricca di leggende, molte delle quali sconosciute al di fuori dei confini regionali. Netflix ha così deciso di realizzare una serie puntando su Curon e il suo campanile sommerso.

Netflix ha messo in cantiere una nuova serie ambientata in Italia, Curon, che racconta di una madre che fa ritorno nell’omonimo villaggio del Nord Italia insieme ai suoi figli.

Una serie drammatica dai risvolti sovrannaturali, così viene descritta, pronta a scatenare masse di turisti presso Curon Venosta, borgo della Val Venosta ben noto nella provincia di Bolzano e non solo come il paese sommerso. Potrebbe uscire nella seconda metà del 2020, ma finora la produzione non ha ancora annunciato una data ufficiale.

Lago di Resia

Lago di Resia

A destare la curiosità generale è il campanile che emerge in maniera sinistra dal Lago di Resia. La struttura risale al XIV secolo e offre una visione davvero unica, in grado di stimolare la curiosità generale. Una scena tanto incredibile da far pensare a una scenografia cinematografica. Nulla di fittizio vi è però nel paese sommerso, nei secoli al centro di numerose leggende.

Quest’area venne occupata da svariate etnie celtiche, per poi cadere sotto il dominio dei Romani, che realizzarono la Via Claudia Augusta. La storia che più caratterizza l’area è però di certo quella del borgo alpino di Curon Venosta, legata indissolubilmente al Lago di Resia. Una vicenda non troppo antica, risalente al 1950, quando le due località di Resia e Curon vennero allagate interamente dalle acque di un bacino artificiale.

Lago di Resia

Lago di Resia

Un processo ben studiato e ragionato, il cui via venne dato soltanto dopo aver raso al suolo ogni edificio. Tutti vennero fatti sparire tranne uno. Si tratta del campanile della Chiesa di Santa Caterina, monumento dal valore storico e per questo tutelato. Ciò che resta delle abitazioni giace sul fondo del Lago, dalle cui acque svetta il campanile, divenuto rapidamente un’attrazione turistica, presa d’assalto da curiosi e amanti di Instagram a caccia dello scatto perfetto.

La chiesa risale al 1357 e se d’estate il lago consente d’ammirarne a pieno la struttura, è l’inverno a regalare le emozioni più forti. Il Lago di Resia infatti si gela del tutto, consentendo ai curiosi di raggiungere il campanile a piedi, lasciandosi trasportare dall’immaginazione. La leggenda vuole che proprio durante i mesi freddi sia possibile sentir suonare le campane, sospinte dai forti venti, benché rimosse poco prima dell’allagamento.

Lago di Resia

Lago di Resia

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La spettrale Curon, location in Alto Adige della nuova serie Netf...