In Croazia tutti cercano la “King’s Landing” di Game of Thrones

Da città ricca di fascino e cultura a meta di overtourism grazie alla serie cult della Hbo: ma c'è chi non apprezza questa progressiva mutazione

Arrivare a Dubrovnik e cercare disperatamente King’s Landing (Approdo del re), la capitale dei Sette Regni di Westeros della saga del “Trono di spade”: sempre più turisti visitano la città croata per la serie cult della Hbo.

A pochi giorni dall’arrivo dell’ultima stagione di “Game of Thrones”, l’agenzia francese France Presse analizza come il turismo per Dubrovnik si sia trasformato grazie alla serie tv. La città fortificata patrimonio Unesco è tra i primi siti al mondo ad aver introdotto forme di contingentamento dei flussi di visitatori e ogni anno vede l’affluenza dei turisti aumentare vertiginosamente. Il merito è di King’s Landing, i cui set si trovano proprio nella località della Dalmazia Meridionale. France Presse ha raccontato come ormai tutte le guide siano costrette a trascorrere più della metà del loro tempo lavorativo nei tour attraverso le location di GoT.

Dubrovnik miglior destinazione culturale per il 2019

Fonte Foto: iStock

La finzione supera di gran lunga la realtà e così i visitatori preferisco andare alla scoperta del set che ormai è presenta dal 2011. Pochi considerano l’affascinante città ricca di chiese, palazzi e fontane. Una sorta di sdoppiamento che preoccupa tante persone del posto. La difficoltà nasce dall’afflusso esorbitante di persone che mette in sovrapposizione il turismo di gruppo e di massa rispetto a forme di visita a vocazione culturale, fisiologicamente più “lente” e perlopiù politicamente corrette.

E così il contrasto appare netto con rifiuti, rumori, schiamazzi e turisti che provano ad imitare qualche personaggio di “Game of Thrones“. In tanti decidono di urlare “Vergogna, vergogna” in prossimità della scalinata della chiesa gesuita di Sant’Ignazio, dove la Regina Cersei viene costretta a camminare nuda, dopo aver confessato l’adulterio.

I cittadini di Dubrovnik sembrano sorpresi dall’afflusso di turisti e molti hanno abbandonato le loro case nel centro storico per darle in affitto. I prezzi raggiungono anche i 10 mila euro per metro quadro e così sono ormai solo 700 le persone che vivono realmente nel cuore di Dubrovnik. L’Istituto di studi economici di Zagabria ha calcolato che con l’inizio di “Game of Thrones” si è attivato un flusso di turisti extra di 250 mila unità, con introito di 126 milioni di euro, nel solo triennio 2012-2015. Oggi, gli arrivi totali sono nell’ordine dell’1,2 milioni di persone all’anno, con le autorità locali costrette a limitare le ore di sosta delle navi da crociera e a monitorare gli accessi al centro storico.

Ovviamente c’è chi invece ha pensato bene di sfruttare il fenomeno. Ecco quindi il “cocktail della vergogna” e gadget costosi tutti a tema “Game of Thrones“. Resta però la sensazione che Dubrovnik sia progressivamente mutata e l’analisi si chiude con le parole di un pensionato della città che dichiara: «Temo che alla fine il turismo distruggerà la nostra antica città». C’è chi invece vuole resistere e spera in un cambiamento come le tante guide che vogliono far conoscere il vero patrimonio di Dubrovnik e indossano una t-shirt con la scritta “Dubrovnik is much more than King’s Landing”.

Dubrovnik - Croazia

Fonte Foto: iStock

In Croazia tutti cercano la “King’s Landing” di Game...