Perché alzarsi subito dopo l’atterraggio è una cosa che non devi mai fare

Non appena l'aereo atterra, c'è sempre qualcuno che si alza e occupa il corridoio: questa è una cosa che non andrebbe fatta

Ci sono regole che in aereo vanno rispettare rigorosamente, perché sono importanti per la nostra e l’altrui sicurezza. E poi ci sono delle norme di buona educazione che sono altrettanto fondamentali, così da non recare disturbo agli altri passeggeri e goderci tutti un viaggio migliore.

Quella di non alzarsi subito in piedi una volta che l’aereo ha toccato la pista oltre a essere una questione di educazione è anche una regola di sicurezza. Lo spiega Giovanni Marchiori, assistente di volo fin dal 1988, che ha raccontato a SiViaggia che Ci sono stati incidenti gravi proprio in quel momento (incendi) e avere tutti in piedi già con i bagagli in mano abbia reso molto più lenta l’evacuazione. Perciò bisogna attenersi strettamente ai segnali. Fino a quando c’è il ‘Fasten Seat Belt’ (allacciare le cinture) acceso si deve rimanere seduti. L’educazione viene subito dopo”.

A parete casi estremi che, fortunatamente, sono pochi, in ogni caso è bene attendere che il segnale luminoso sia spento e aspettare il proprio turno prima di alzarsi dalla poltrona. Molte persone, invece, sono solite alzarsi in piedi non appena l’aereo tocca terra, andando addirittura ad occupare il corridoio. Piuttosto, si tratta di un gesto che tutti dovremmo astenerci dal compiere per educazione e civiltà.

Nel momento stesso in cui l’aereo compie la manovra d’atterraggio, alcuni passeggeri scattano in piedi. È una cosa del tutto inutile, visto che il portellone è ancora chiuso e lo rimarrà per qualche altro minuto. Che bisogno c’è, dunque, di precipitarsi lungo il corridoio, magari prendendo subito il bagaglio a mano e andando ad ostruire il passaggio? Nel comportarsi in questo modo è molto facile disturbare i propri vicini: pensate ad esempio ad un passeggero che si allunga davanti al vostro naso per raggiungere la cappelliera sopra di voi, andando anche ad urtarvi senza prestare alcuna accortezza. Fastidioso, no?

Qualcuno potrebbe dire che, dopo aver trascorso ore ed ore seduto, alzarsi diventa un’esigenza impellente. In realtà, qualche minuto di attesa in più non fa certo la differenza. Anzi, è molto importante fare piccoli esercizi di stretching mentre si è in volo, così da non aver bisogno di scattare dal sedile non appena l’aereo atterra. E se proprio non se ne può fare a meno, si può comunque rimanere in piedi sul proprio posto, senza mettersi a passeggiare per il corridoio.

C’è poi un altro dettaglio da tenere in considerazione. Ci sono passeggeri che hanno effettivamente urgenza di scendere dall’aereo il prima possibile, perché magari hanno una coincidenza da prendere al volo – se viaggiate molto, saprete che a volte si riesce a malapena ad imbarcarsi sul secondo aereo. Trovare persone che ingombrano il corridoio senza un valido motivo può rivelarsi spiacevole per chi ha davvero fretta. Insomma, di motivi per cui rimanere al proprio posto finché il portellone non viene aperto ce ne sono in abbondanza. Siamo sicuri che d’ora in avanti ci presterete molta più attenzione.

passeggeri in piedi in aereo

Perché non bisogna alzarsi in piedi subito dopo l’atterraggio – Fonte: iStock

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Perché alzarsi subito dopo l’atterraggio è una cosa che non de...