Catalogna, tra mare e montagna: 5 esperienze indimenticabili

Avete in mente un weekend in Catalogna? Abbiamo scelto per voi alcune tappe alle quali non potete assolutamente rinunciare

Arte e cultura, ma anche tanto verde e bellezze naturali tutte da scoprire: la Catalogna è un luogo che tutti dovremmo visitare, almeno una volta nella vita. Barcellona è il suo cuore pulsante, ma è solo una delle meraviglie che racchiude questa fantastica regione. Dunque, perché limitarsi a questa splendida città? Abbiamo scovato per voi altre indimenticabili tappe per il vostro viaggio in Catalogna, elencate in queste cinque esperienze assolutamente imperdibili.

Andare a Montserrat

A pochi chilometri da Barcellona, svetta la montagna di Montserrat, che racchiude un piccolo segreto davvero spettacolare. Sulla sua cima si trova infatti il monastero di Santa Maria de Montserrat, un vero e proprio eremo di origine incerta, probabilmente risalente all’anno 1000. Si tratta di un complesso formato da due edifici: da una parte la basilica, completamente ricostruita nel XIX secolo, dall’altra le strutture destinate ad accogliere i pellegrini.

Il monastero celebra la Madonna di Montserrat, la cui statua è una scultura lignea romanica del XII secolo, che tiene in mano una sfera simboleggiante l’intero universo.

Visitare Besalù

Nel cuore della Catalogna, il piccolo paesino medievale di Besalù è uno dei luoghi più affascinanti e pittoreschi dell’intera regione. Per le sue architetture di cui è così ricco e per il pregio storico dei suoi monumenti, nel 1966 il borgo è stato dichiarato Complesso Storico Artistico Nazionale. Passeggiare per le sue stradine che si intrecciano fino ad arrivare al centro storico, per poi ammirare alcune delle testimonianze più belle del medioevo spagnolo: un’esperienza che non dimenticherete mai.

Uno dei simboli di Besalù è senza dubbio il ponte romanico originario del 1100, che da tantissimi anni congiunge le due sponde del fiume Fluvià, che con le sue acque lambisce il borgo.

Scoprire Sant Miquel del Fai

Antichissimo luogo di culto adibito a monastero dai benedettini, Sant Miquel del Fai è un luogo mistico e assolutamente strabiliante. La chiesa, incorniciata da spuntoni rocciosi, è arrampicata sulle montagne e sembra uscita da una favola. Ai suoi piedi, una cascata di acqua cristallina cade con forza travolgente sino a un lago di smeraldo che riflette la luce del sole.

Un luogo in cui la pace e la serenità regnano in ogni momento del giorno, e non è difficile capire perché sia così amato da tutti i visitatori.

Mangiare la crema catalana

Anche lo stomaco vuole la sua parte, e dopo aver ammirato tante meraviglie è tempo di concedersi una pausa gustosa. Da provare assolutamente la famosa crema catalana, uno dei dessert più amati in tutto il mondo. Uova, latte, zucchero e pochissimi altri ingredienti sono sufficienti per dare vita a un dolce al cucchiaio che piace a grandi e piccini.

La sua base soffice e cremosa conquista tutti, mentre il leggero strato di caramello croccante dona quel tocco in più che rende il dessert veramente squisito.

Passeggiare a Tossa de Mar

È un piccolo borgo medievale, ma anche una rinomata meta turistica balneare: Tossa de Mar sorge su un promontorio della Costa Brava, e possiede tante spiagge e piccole calette dove trovare un po’ di relax sotto i raggi del sole. Il suo mare azzurro, che si infrange su sabbie dorate, è il perfetto panorama per la vostra cartolina ricordo delle vacanze in Catalogna.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Catalogna, tra mare e montagna: 5 esperienze indimenticabili