Viaggio tra le contee inglesi nell’affascinante Cumbria

Cosa fare nella magnifica Cumbria, alla scoperta di una delle più belle e affascinanti contee inglesi, nel nord del paese: un'avventura tra natura e storia.

La Cumbria è una contea inglese, le regioni amministrative discendenti dell’antica suddivisione della Bretagna realizzata tra l’XI e il XII secolo, situata nell’estremo nord dell’Inghilterra, sul confine con la Scozia. L’attuale contea è nata dopo la ristrutturazione dell’amministrazione locale inglese degli anni Settanta del Novecento, riunendo alcune partizioni regionali più piccole in un’area che coincide a grandi linee con la regione storica della Cumbria.

Tradizionalmente la conta della Cumbria è considerata una delle regioni inglesi caratterizzate da una forte cultura celtica, frutto del progressivo spostamento che questa popolazione subì a seguito delle invasioni che occuparono il cuore della Bretagna nel corso dei secoli. La posizione di questa contea, al confine tra Bretagna e Scozia, ha fatto sì che per buona parte della sua storia la Cumbria sia stata una terra di castelli e fortificazioni, primo tra tutti il celeberrimo Vallo di Adriano, che in età romana separò il confine dell’Impero dai regni dei barbari del nord.

Oggi la Cumbria è una delle regioni più turisticamente attive dell’Inghilterra del nord grazie alla presenza del grande e magnifico Lake District National Park, un parco naturalistico considerato tra i più belli e importanti di tutto il Regno Unito e inserito nel patrimonio dell’umanità Unesco. In questa guida scopriremo le mete da non perdere e le località più suggestive per un viaggio in Cumbria avventurandoci in una delle più belle contee inglesi.

Per esplorare la Cumbria si può iniziare dal suo capoluogo, la pittoresca città di Carlisle, situata nel centro nord della contea, ad appena 16 chilometri dal confine scozzese. Carlisle è una città da 110.000 abitanti, con una storia millenaria che affonda le sue origini nei primi insediamenti celtici e nell’avamposto romano che aveva il ruolo di rifornire le sentinelle sul Vallo di Adriano.

Oggi è una vivace realtà che si prende cura del flusso turistico in arrivo ogni anno e che offre numerose attrazioni nel suo centro urbano come il possente castello di Carlisle e la maestosa cattedrale della Trinità con le sue favolose vetrate colorate e le eleganti sculture gotiche. Da non perdere in città è anche la Tullie House Museum and Art Gallery, che conserva alcune straordinarie collezioni di reperti romani e altomedievali.

Per visitare una delle maggiori mete storico-culturali della Cumbria bisogna dirigersi verso nord rispetto a Carlisle fino a raggiungere la cittadina di Brampton dove si trova il centro visite del sito archeologico del Vallo di Adriano. Questa immensa opera difensiva venne costruita nel II secolo d.C. e attraversa longitudinalmente l’isola britannica dal Mare d’Irlanda a occidente fino al Mare del Nord ad oriente.

Il tratto del Vallo di Adriano a Brampton è affiancato da una suggestiva strada di campagna che percorre per parecchi chilometri il tracciato delle mura, permettendo di vedere a brevissima distanza le fondamenta e le torrette di avvistamento. Se il tempo è bello vale la pena prendersi qualche ora per passeggiare nella splendida campagna inglese, ammirare il paesaggio e conoscere ogni segreto della presenza romana in questo angolo di Inghilterra grazie alla ricchissima presenza di pannelli e apparati didattici per tutto il percorso.

Gli appassionati di storia medievale troveranno, invece, indimenticabili i siti del Brougham Castle e del Brough Castle, situati a sud di Carlisle, nei pressi della città di Penrith. Queste fortezze, oggi possenti rovine che lasciano solo intuire la maestosità del loro aspetto, furono la spina dorsale del sistema di fortificazioni che durante il medioevo costellavano l’intero confine tra Scozia e Inghilterra, per poi diventare il vanto e l’espressione di forza e ricchezza dei Lord locali.

Per ammirare la principale attrazione turistica della Cumbria bisogna dirigersi a sud di Carlisle, dove si entra del meraviglioso Lake District National Park, una splendida area naturalistica protetta che conserva uno degli ambienti naturali più belli e suggestivi di tutto il Regno Unito. Questo grande parco è un vero paradiso naturale, dove l’ecosistema arcaico bretone è stato conservato consentendo a piante e animali di prosperare indisturbati e offrendo ai visitatori che vi si addentrano di ammirare gli incredibili paesaggi del massiccio dello Skiddaw che si rispecchia negli innumerevoli laghi e laghetti ai suoi piedi.

La bellezza dei quest’area è conosciuta fin dal Seicento e nel corso dei decenni si è sviluppato un vero e proprio filone dell’arte inglese che si è concentrato su questa meraviglia naturalistica. Tra i più famosi esponenti di questo fenomeno viene ricordato il poeta William Wordsworth che insieme a Coleridge e Southey divennero i “Poeti del Lago” poiché scrissero molti versi dedicati alla bellezza di questi luoghi.

All’interno dell’area del parco si possono seguire gli spettacolari percorsi escursionistici che permettono di raggiungere le aree paesaggisticamente più spettacolari e dedicarsi ad un’infinità di attività, dalla pesca alla navigazione, dalle esplorazioni in canoa alla mountain bike.

Una meta da non dimenticare di visitare nel Lake District è il cerchio di pietre di Castlerigg, una straordinaria struttura megalitica costruita dai primi abitanti di questa regione nel 3000 a.C. Il sito oggi si presenta come un affascinante circolo di pietre poste su una brulla collina con al centro una struttura rettangolare che si pensa fosse utilizzata come osservatorio astronomico. Uno dei momenti più impressionanti per visitare Castlerigg è il Samhain, il capodanno celtico tra ottobre e novembre quando il sole che tramonta si allinea perfettamente con il cerchio di pietre e l’atmosfera di questo luogo diventa carica di magia.

Viaggio tra le contee inglesi nell’affascinante Cumbria