Una giornata a Wattens, la città dei cristalli

Una giornata in giro per Wattens, alcuni consigli per non perdervi il meglio della città, attraverso la magia e il luccichio dei suoi cristalli Swarovsky

Nel cuore del Tirolo distante solamente 15 chilometri da Innsbruck in Austria esiste una cittadina di circa 8.000 abitanti chiamata Wattens, il comprensorio di Hall-Wattens è composto da piccole cittadine e paesini che sembrano quelli descritti nei libri di fiabe che tanto ci hanno fatto sognare da bambini. La zona insediata già in epoca preromana, nel 930 d.C. venne menzionata per la prima volta in fonti scritte. Il suo stemma mostra due simboli importanti per la città: il globo imperiale è la prima filigrana documentata dalla cartiera del luogo, mentre il cristallo molato vuole simboleggiare la fabbricazione del cristallo.

Infatti Wattens regala ai suoi visitatori oltre alla bellezza naturale del suo paesaggio, una fra le eccellenze per quanto riguarda la lavorazione di questo minerale, la sede della leader incontrastata Swarovsky. Nel 1995 in occasione del centesimo anniversario della fondazione dell’azienda è stato inaugurato un museo a tema, denominato “I Mondi di Cristallo” (Swarovsky Kristallwelten) che accoglie ogni anno migliaia di visitatori. La struttura stessa incuriosisce già al primo impatto in quanto l’ingresso è stato realizzato all’interno di una collina sapientemente modellata che raffigura un volto umano dalla cui bocca sgorga una cascata che si tuffa nel sottostante laghetto e al posto degli occhi neanche a dirlo, due enormi cristalli

Tutto questo lo si deve alla fantasia dell’artista austriaco Andrè Heller che ne curò anche la realizzazione. Dopo i recenti interventi di ristrutturazione il labirinto sotterraneo che si estende in quattordici Camere delle Meraviglie ospita opere d’arte di ogni genere e dipinti di alcuni famosissimi pittori come Salvador Dalì. Ovviamente al termine della vostra visita potrete accedere a uno dei principali negozi Swarovsky dove avrete la possibilità di acquistare alcuni pezzi delle collezioni venduti esclusivamente qui.

All’esterno del Museo troverete il giardino incorniciato dalle montagne, a ridosso dell’ingresso un bosco fatto di nuvole. Anche la Nuvola di Cristallo e la Vasca a specchio dentro cui si trovano le “radici” degli alberi che si estendono per una superficie di ben 1.400 metri quadrati. Le nuvole sono realizzate con 800.000 cristalli incastonati a mano e attraverso la luce del sole che li lambisce regalano un gioco di colori meraviglioso, degno dei migliori pittori esistenti al mondo, una vera e propria magia.

Ma Wattens non è solo cristallo, un altro luogo particolare che vi consigliamo di non perdere è il Museo delle macchine da scrivere che ospita una collezione di ben 450 pezzi funzionanti che vanno dal 1884 fino al presente, per avere un’idea dell’evoluzione di questi oggetti che un tempo furono considerati l’innovazione del modo di scrivere e inoltre una visita al Museo dell’Industria e della Preistoria.

Siamo in Austria e questa terra così amata da chi fa della bicicletta il mezzo preferito per le proprie attività sportive, troverà una pista ciclabile che collega Innsbruck a Passau, la Inntalradweng che costeggia il fiume Inn e che senza particolari dislivelli è percorribile da tutti. Gli amanti del trekking potranno scegliere diversi percorsi da intraprendere come il sentiero Adlerweg lungo ben 280 chilometri, oppure per qualcosa di meno impegnativo ma entusiasmante, si può optare per uno dei sentieri della riserva naturale Karlwendel che passano attraverso i monti, uno dei quali vede Wattens come tappa del Cammino di Santiago de Compostela.

In inverno il comprensorio sciistico del Glungezer è ideale per tutte le famiglie, la facilità delle numerose piste le rende accessibili a tutti; inoltre i più esperti potranno cimentarsi in una pista che misura ben 15 chilometri, una fra le più lunghe di tutto il Tirolo, oppure organizzare un’escursione guidata con le ciaspole o fare un giro su una slitta trainata da cavalli.

Nella splendida piazza dell’Oberer Standtplatz in pieno centro storico, in occasione delle festività natalizie, vengono allestiti i mercatini, le luci spettacolari illuminano la piazza regalando il bagliore che completa l’atmosfera tipica del periodo, tra suoni e sapori della tradizione tirolese se capiterete da queste parti nelle vacanze di Natale non dovete perdervi questo evento.

Wattens è raggiungibile anche solo per un weekend in quanto dalla città di Bolzano dista solamente 126 chilometri e 396 da Venezia. La rete ferroviaria italiana offre diversi treni che raggiungono Innsbruck, una volta giunti nel capoluogo potrete raggiungere Wattens con un locale oppure servendovi di autobus.

Una giornata a Wattens, la città dei cristalli