Tour di Riva del Garda, cosa vedere tra arte, storia e natura

Vacanze al lago, a Riva del Garda, una delle località più famose della provincia autonoma di Trento. Cosa vedere sulle sponde del Benaco.

Riva del Garda si trova sulla punta più a nord del Lago di Garda, all’interno del territorio della provincia autonoma di Trento, sul confine tra le province di Verona e di Brescia, e per la sua ricchezza artistica, storica e lo splendido ambiente naturale è una delle località più visitate ai turisti che raggiungono l’alto Lago di Garda.

Il passato di Riva del Garda narra una storia fatta di continui incontri e scontri di popoli che salendo dall’Italia o scendendo dall’Europa centrale attraverso i passi alpini passarono per le splendide rive di quel grande lago che i latini chiamavano Benaco. Le testimonianze archeologiche mostrano che già in età preistorica erano presenti alcuni insediamenti umani che si svilupparono prima dell’arrivo dei romani in piena età del bronzo, ma le prime fonti certe confermano che Ripa, questo fu il primo nome della città, venne fondata durante l’espansione romana nella regione prealpina.

Nei secoli successivi Riva del Garda passò in mano gota, longobarda, franca per poi finire nell’orbita del potente vescovo principe di Trento, parte del Sacro Romano Impero, seppure con ampie libertà di auto-organizzazione. Successivamente gli scaligeri di Verona e i Veneziani si contesero a lungo il territorio e il castello di Riva del Garda, lasciando profondi segni nelle architetture ancora oggi visibili in città. Durante l’Ottocento Riva rimase sotto il dominio austriaco, periodo che ha lasciato le interessanti architetture militari delle fortezze sui colli attorno alla città, per poi essere annessa all’Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale.

Oggi Riva del Garda è uno dei centri turistici più importanti della provincia di Trento, una località molto apprezzata per la bellezza naturalistica del Lago di Garda e le affascinanti testimonianze storiche che si possono ammirare tra le strade del centro storico. In questa guida scopriremo le mete più affascinanti e le località da non perdere per sapere cosa vedere in un viaggio a Riva del Garda.

Una visita a Riva del Garda non può che partire dalla suggestiva Piazza Cesare Battisti, il fulcro della vita turistica della città, aperta sulla spettacolare vista del Lago di Garda verso sud e con la magnifica presenza della Rocca di Riva. La piazza oltre che uno dei panorami più suggestivi di Riva, è una splendida area dove fare una passeggiata tra gli alberi secolari per poi arrivare fino alle scalette del molo turistico dove si possono osservare le barche ondeggiare dolcemente.

La Rocca di Riva è uno dei monumenti più conosciuti della città ed è la testimonianza delle diverse dominazioni che si sono succedute nel corso dei secoli dalla sua costruzione nel XII secolo da parte del Vescovo di Trento. La Rocca venne modificata dapprima dagli Scaligeri e poi dai Veneziani fino ad assumere l’aspetto attuale, molto simile ad altre fortificazioni che si possono incontrare sul Lago di Garda come il Castello di Sirmione.

Oggi all’interno della Rocca si possono visitare il Museo di Riva e la pinacoteca comunale, che conservano varie collezioni di grande interesse storico e artistico, tra cui una pregevole esposizione di reperti dell’età del Rame e la galleria di dipinti che raccoglie opere di Pietro Ricchi, Vincenzo Vela e Francesco Hayez. Una delle attrazioni più suggestive della Rocca è la piattaforma panoramica sulla cima del mastio, la torre centrale della fortificazione, dalla quale si può ammirare una splendida vista a 360° su tutta Riva del Garda e lo splendido paesaggio circostante.

Rimanendo nel centro storico si può passeggiare tra le belle stradine di ciottoli che compongono il reticolo urbano di Riva del Garda con gli eleganti edifici Cinque e Seicenteschi che li contengono in una sorta di abbraccio. Vale la pena passare qualche ora a “perdersi” in questo labirinto come in passato hanno fatto Nietzsche, Kafka, i fratelli Mann mentre erano ospiti in città. Il centro di Riva del Garda ospita eventi e manifestazioni interessanti che accolgono appassionati e curiosi tutto l’anno; informatevi sugli appuntamenti per programmare una visita in concomitanza con i festival che più vi interessano.

Un’altra attrazione da vedere è la Torre Apponale, un’antica struttura fortificata che con la sua altezza di 34 metri domina Piazza III novembre, la piazza dove in passato si svolgevano le fiere provinciali. La torre è oggi visitabile ed è uno dei luoghi preferiti dai fotografi che da questo punto panoramico possono scattare delle splendide foto del centro urbano.

In piazza III novembre si possono vedere anche il suggestivo Palazzo Pretorio, un palazzo risalente alla dominazione scaligera che raccoglie alcune delle più antiche e interessanti lapidi dall’età romana fino al Cinquecento, e lo splendido Palazzo Comunale in stile veneziano. Oltre questi monumenti storici la piazza è anche il luogo migliore dove prendere qualcosa da mangiare o bere in uno dei numerosi locali e ristoranti che si aprono verso il molo per poi spostarsi ad ammirare la vista del Lago di Garda.

Un’altra meta da non perdere a Riva del Garda è la splendida chiesa barocca dell’Inviolata, costruita nel Seicento per volere del vescovo di Trento come centro di diffusione della controriforma. La chiesa è uno dei monumenti più importanti del centro di Riva e al suo interno si possono ammirare meravigliosi affreschi barocchi e la spettacolare volta della cupola completamente ricoperta di decorazioni e dipinti di grande bellezza realizzati dal pittore Martino Teofilo Polacco.

Per vedere il meglio del paesaggio naturale di Riva del Garda si può prendere lo splendido viale lungolago che segue la costa appena oltre la Rocca di Riva e si addentra in un bel parco ricco di verde, panchine e fontane. La costa del Lago di questo punto è ricca di porticcioli e piccole spiagge che durante la stagione estiva sono una meravigliosa cornice dove spendere una giornata tra tuffi e relax al sole.

Tour di Riva del Garda, cosa vedere tra arte, storia e natura