Tour dei castelli della Turingia: ecco i 5 da non perdere

Tra mura possenti, torri e antiche leggende, non perdetevi i 5 castelli più belli tra gli oltre 400 sparsi per la Turingia.

Alte mura merlate, profondi fossati con ponti levatoi, possenti torri d’avvistamento e, ancora, facciate con lunghe file di finestre e ampie stanze scaldate da enormi camini. Sembra quasi l’ambientazione di una fiaba invece è la Turingia, bellissima regione al centro della Germania che dal punto di vista dei castelli non ha davvero nulla da invidiare alla Loira.

La campagna della Turingia, infatti, è costellata da numerose fortezze e palazzi di ogni epoca, perfettamente conservati. Non basterebbe un anno per visitarli tutti perché tra bastioni preistorici, palazzi imperiali e castelli medievali, ce sono oltre 400! Costruiti in belle vallate tra colline e rocce maestose, questi spettacolari monumenti – alcuni dei quali risalgono a più di 1.000 anni fa – caratterizzano il paesaggio della zona dandole un’atmosfera quasi magica.

Castello di Wartburg

Il più imponente di tutti è probabilmente il Castello di Wartburg, oggi Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Costruita nel 1067 su un altopiano che domina Eisenach, nella parte centro-occidentale della Turingia, questa struttura rimane una delle più belle e meglio conservate fortezze medievali di tutta Europa nonostante i rimaneggiamenti subiti nel corso dei secoli.

Si tratta di una massiccia fortificazione che sorge proprio sulla sommità di una collina, a oltre 400 metri di altitudine, dominando tutto il paesaggio della Selva di Turingia. Oltre che essere molto bello, questo castello ha una valenza storica importantissima. Qui Martin Lutero tradusse il Nuovo Testamento dal greco in tedesco tra il 1521 e il 1522, e le sue sale furono anche centro della poesia tedesca del Minnesang e sede della Fraternità degli studenti tedeschi.

Castello di Eisenach

Senza spostarvi tanto, a solo 5 chilometri da qui, non perdetevi una visita al Castello di Eisenach, proprio al centro della cittadina da cui prende il nome, nella piazza del Mercato. Questo castello, forse nelle linee più simile a un palazzo, è stato la residenza della nobiltà della zona e ospita oggi gli uffici dell’amministrazione, gli archivi comunali e, dal 1931, anche il Museo della Turingia.

L’attuale struttura, costruita in stile tardo-barocco, è nata, secondo la tradizione, in sostituzione dell’antico castello in cui risiedeva Anna Sofia Carlotta di Brandeburgo-Schwedt, una marchesa vedova dell’ultimo duca di Sassonia-Eisenach. Sembra infatti che la donna, cacciata dal paese, avesse ordinato di svuotare il castello in cui risiedeva «…fino all’ultimo chiodo», rendendolo di fatto inutilizzabile. Il duca Ernesto Augusto I di Sassonia-Weimar, quindi, incollerito da questo comportamento, dispose l’immediata demolizione dell’intero castello e la costruzione del nuovo, arrivato fino a noi.

Castello di Sondershausen

A una settantina di chilometri a nord di Eisenach ed Erfurt, poi, vale sicuramente la pena di visitare il bellissimo Castello di Sondershausen. Si tratta del complesso architettonico più importante della Turingia del nord, con una struttura più antica risalente al 1534 e successivi ampliamenti rinascimentali, barocchi, rococò e neoclassici che gli hanno dato, nel tempo, la particolare impronta che lo rende oggi unico nel suo genere.

Le stanze storiche del castello sono in gran parte occupate dal museo, con esposizioni dedicate alla cultura a corte, alla storia cittadina (con particolare attenzione a quella musicale) e alla natura della zona. Non perdetevi il pezzo più pregiato del museo: la carrozza dorata da parata, unica nel suo genere in Germania. Al complesso del castello appartengono anche le scuderie e la casa ottagonale, che ospitano oggi, rispettivamente, l’Accademia musicale regionale della Turingia e una sala da concerti.

Bastiglia di Weimar

Proprio al centro della cittadina di Weimar, nella parte settentrionale del cosiddetto Parco di Goethe, c’è la Bastiglia di Weimar, uno degli undici monumenti della “Klassisches Weimar” inseriti nel Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Costruita presumibilmente nel X secolo, la struttura venne distrutta e ricostruita per ben due volte, nel 1299 e nel 1424, a causa di incendi. Nel 1939, nelle stanze del castello si costituì il primo governo repubblicano, la cosiddetta Repubblica di Weimar. Dal 1923 il castello è diventato un museo.

Castello di Tiefurt

E per finire, a soli dieci minuti in macchina da Weimar, date un’occhiata al Castello di Tiefurt. Costruito sul fiume Ilm, nel villaggio omonimo, il piccolo castello era residenza estiva della duchessa Anna Amalia. La bella struttura è formata da un edificio principale, con sette stanze al primo piano, e da un edificio secondario, collegati tra loro attraverso un passaggio coperto e circondati da un bellissimo parco all’inglese. Anche questo castello della Turingia è inserito nel Patrimonio dell’Unesco.

E se ancora non ne avete abbastanza di romantici palazzi e fortezze medievali, ecco qualche altro suggerimento: la Fortezza Coburgo, il Castello Creuzburg nella valle del Werra, il Castello di Kapellendorf, le rovine del possente Castello Kyffhausen e l’antico castello dell’Ordine Teutonico dei Cavalieri, a Liebstedt, l’ultimo esempio superstite in Europa di un castello attraversato da una strada.

Tour dei castelli della Turingia: ecco i 5 da non perdere