Tour della capitale dell’Uzbekistan, tra moschee e palazzi

Cosa vedere nella capitale dell’Uzbekistan: le antiche moschee, la cattedrale, il Museo di Tamerlano e la torre più alta dell’Asia, ecco cosa vedere a Tashkent.

Tashkent è la capitale dell’Uzbekistan. Un’antica città sulla Via della Seta che correva dalla Cina all’Europa, poco resta del suo passato dopo un tremendo terremoto del 1966. Oggi vive e cresce ed è popolata da 2,5 milioni di persone. Le attrazioni architettoniche di Tashkent si distinguono per il suo stile unico e originale. Unì le tradizioni dell’Asia centrale, arricchite dalle conquiste dell’architettura islamica e dall’influenza della pianificazione urbana europea del tardo XVIII secolo.

La città, che dista circa 300 km dall’altra perla dell’Uzbekistan, la meravigliosa Samarcanda, ne ricorda in parte le fattezze. Iniziate la visita della capitale dell’Uzbekistan dalla madrasa Kukeldash, antica struttura di epoca medievale che si trova vicino al bazar Chorsu e alla stazione metro Chorsu. Questa madrasa è stata costruita intorno al 1570 dalla dinastia dei governanti shaybanidi. È stata edificata con mattoni gialli e ha una forma tradizionale quadrata con un grande portale e un cortile interno con le cellule abitate da studenti. Il portale è alto 20 metri e possiede ai lati due torri.

Nel 1830-1831 il primo piano della madrasa è stato demolito e i mattoni sono stai usati per costruire la vicina Madrasa Beklarbegi. Ha una storia travagliata: anneggiata dal terremoto del 1868 e successivamente ricostruita nel 1902-1903, è stata di nuovo ricostruita nel 1950 e divenne uno dei pochi edifici religiosi sopravvissuti al sisma del 1966. È stata convertita in caravanserraglio nel XVIII secolo poi come fortezza e nel XX secolo divenne un museo, prima dell’ateismo e poi della musica popolare. Nel 1990, l’edificio è tornato di nuovo ad essere una madrasa.

Visitate poi il simbolo della capitale dell’Uzbekistan: il complesso di Hazrati Imam, una piazza che comprende un sistema di edifici religiosi. Tra questi il mausoleo del primo imam di Tashkent Hazrati Imam. Si chiama mausoleo Kaffakl Shoshi, dedicato allo studioso e poeta islamico Abu Bakr Kaffal Shoshi vissuto nell’epoca shabanyde. L’edificio risale al XVI secolo e contiene la tomba del poeta e quella di altre personalità, tra i quali tre sceicchi. Nell’edificio c’è anche una khanqa, luogo riservato al ritiro spirituale del devoto musulmano.

Spostatevi poi verso la madrasa Barak Khan, eretta nel XVI secolo dall’allora governatore della capitale dell’Uzbekistan Nauruz Ahamad Khan. Il nome Barak Khan significa sovrano fortunato ed era il soprannome del governatore perché la sua reggenza era considerata fortunata. L’edificio venne completato nel 1532. La madrasa venne danneggiata dal terremoto del 1868 e poi restaurata. Dal 2007 ospita gli uffici dell’amministrazione spirituale dei musulmani dell’Asia centrale. La cupola è di un bel colore blu e al suo interno vi sono una serie di colori con figure ottagonali.

Proseguite il tour della capitale dell’Uzbekistan presso la moschea Hazroti Imam costruita nel 2007 per volere del presidente Karimov. Composta da due minareti, ha uno stile che richiama le moschee della tradizione uzbeka del XVI secolo. Del complesso fanno parte anche la moschea Telyashayak e la biblioteca museo Moyie Mubarek, dove è custodito il Corano di Osman, il più antico del mondo.

Bellissima anche la cattedrale dell’Assunzione della Vergine o cattedrale della Dormizione. Fu costruita nel 1871 e ampliata nel 1990. Come la maggior parte degli edifici religiosi dell’Asia centrale, la chiesa fu assegnata al movimento “Chiesa vivente”, promosso dai bolscevichi; chiusa al culto nel 1933 dal 1945 divenne un deposito militare. Riaperta al culto nel 1945, fu dedicata alla Dormizione della Vergine e divenne sede del vescovo. Il campanile è stato ricostruito nel 1990 accanto alla cupola centrale. L’interno è stato ristrutturato con maggior pompa per la visita del patriarca Alessio II nel 1996. La cattedrale è stata ristrutturata e una nuova torre campanaria è stata costruita nel 2010.

Chiudete la visita capitale dell’Uzbekistan con il Museo Amir Timur aperto nel 1996 e dedicato al signore mongolo della guerra Amir Timur, noto Tamerlano. La cupola blu del museo somiglia a quella della mausoleo Gui ir Amir a Samarcanda anche se il museo è costruito secondo i canoni dell’architettura medievale. Oggi ci sono più di 5 mila reperti e 2 mila vengono visualizzati nelle sale espositive. In particolare è possibile vedere la genealogia di Tamerlano la sua venuta al potere e le sue campagna militari e anche reperti della dinastie timuride (mappe, armi, monete, miniature e manoscritti rari).

Ammirate anche la torre televisiva di Tashkent con vari ristoranti e splendide viste sulla città. Costruita nel 1978, Alta 375 metri è la più alta di tutta l’Asia centrale ed è l’ottava al mondo. Ha un punto di osservazione a 97 metri.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tour della capitale dell’Uzbekistan, tra moschee e palazzi