Parchi letterari italiani: come e dove passeggiare dentro un romanzo

Da nord a sud fino alle Isole, esistono moltissimi itinerari per scoprire i luoghi che hanno ispirato gli autori letterari più famosi d'Italia

Se avete voglia di passeggiare all’interno di un romanzo, in Italia ci sono diversi luoghi che fanno per voi: si tratta dei parchi letterari. Quando leggiamo un libro la fantasia disegna nella nostra mente paesaggi, scorci e località in cui la vicenda è ambientata. La rete ufficiale dei Parchi Letterari Italiani ha dato forma alla nostra immaginazione, creando una mappa dei luoghi che hanno ispirato nel tempo gli autori di opere immortali.

Sono luoghi da sogno, sparsi lungo l’intero Stivale e in cui è possibile immergersi nel più totale relax, riscoprire angoli d’Italia che hanno scritto la nostra storia e aggiungere all’aspetto culturale quello eno-gastronomico. In ognuno di questi parchi, infatti, viene promosso il patrimonio storico e culturale del Paese, con visite guidate e manifestazioni alla scoperta delle nostre radici. E, da nord a sud arrivando fino alle Isole, ce n’è per tutti i gusti.

Il nostro viaggio parte da nordovest, in Liguria e precisamente da Monterosso alle Cinque Terre, dove Eugenio Montale trascorreva l’estate. Qui è possibile ammirare gli stessi scorci che hanno ispirato l’opera dell’immortale poeta genovese e vedere dall’esterno la villa dove amava riposarsi e ritemprarsi. Spostandosi in Lombardia troveremo poi il Parco Adda Nord di Trezzo sull’Adda (provincia di Milano), nei luoghi di Alessandro Manzoni e dei suoi “Promessi Sposi”.

Sui Colli Euganei, in provincia di Padova, hanno invece trovato ispirazione intere generazioni di scrittori, come Bruce Chatwin, Shelley, Byron o Ugo Foscolo. Queste terre sono però indissolubilmente legate a Francesco Petrarca, che scelse Arquà come ultima dimora. E in questa graziosa località si possono visitare le stanze dove visse l’autore del Canzoniere, oltre che le antiche terme e la villa dei Vescovi. Parlando di Trecento italiano, imperdibile è poi il percorso del parco letterario “Le Terre di Dante”: si parte da Firenze e si arriva a Ravenna, ripercorrendo le opere e la vita del Sommo, che riposa proprio nella città romagnola.

Restando invece in Toscana, a Castagneto Carducci (provincia di Livorno) è possibile scoprire i luoghi della vita di Giosuè Carducci, a partire dalla villa che lo ospitò per diversi anni. Spostandosi sulla costa Adriatica si potranno visitare i luoghi del cuore di Gabriele D’Annunzio, da Anversa degli Abruzzi (provincia dell’Aquila) per poi scendere verso sud, all’Eremo dannunziano che si trova a San Vito Chietino (provincia di Chieti) e che ospitò il Vate e la sua amante Barbara Leoni: “Trionfo della morte” fu concepito proprio qui.

Più a sud, in provincia di Matera, c’è Aliano, dove trascorse i suoi ultimi anni Carlo Levi: la sua casa è ancora visitabile. Ultimissime tappe nelle isole: a Vizzini (provincia di Catania) si potranno riscoprire le terre di Giovanni Verga, a Modica (provincia di Ragusa) quelle di Salvatore Quasimodo, a Galtellì (Nuoro) quelle di Grazia Deledda.

Itinerari per tutti i gusti e in ogni angolo del Paese insomma, dove tra immortali opere letterarie, panorami da urlo e imperdibili percorsi eno-gastronomici l’orgoglio di essere italiani troverà nuova linfa.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Parchi letterari italiani: come e dove passeggiare dentro un roma...