Il paese italiano in cui tutto sa di mela

Quando è tempo di fioritura, il paese più importante d'Europa per estensione di meleti, si trasforma. Ed è magia

Esiste un luogo, alle porte di Merano, particolarmente apprezzato per l’autenticità che caratterizza non solo le sue strade e le tradizioni rimaste intatte, ma l’intero territorio, così come i prodotti enogastronomici e la musica. Esiste un posto, in Alto Adige, all’ingresso della Val d’Ultimo, dove tutto sa di mela: benvenuti a Lana.

Ci troviamo sul versante meridionale della conca di Merano, precisamente a Lana, il più grande paese frutticolo dell’Alto Adige nonché paradiso delle attività outdoor. Il grazioso centro storico del paese, situato in mezzo ai frutteti, precede la sua fama e, ogni anno, accoglie visitatori da tutto il mondo che arrivano qui, con la famiglia, per godersi quell’atmosfera di pace e relax che il piccolo territorio offre.

Le manifestazioni, poi, attirano grandi e piccini nel pittoresco comune tutto l’anno. Ne sono un esempio le giornate della zucca, la festa della fioritura e i mercatini di Natale.

Meleti in fiore, Lana

Lana è anche il paese delle mele, sono quasi 70.000 le tonnellate raccolte ogni anno dalle circa 500 aziende agricole del territorio. Tutto merito delle condizioni geografiche e del clima alpino-mediterraneo di cui il paese gode. È proprio nei meleti di Lana che vengono coltivate le più famose e preziose varietà di mele come la Maschanzker, la Köstliche, la Goldparmäne e la Ledererer, che sono le più antiche, e la Golden e la Red Delicious che sono, invece, le più diffuse.

E quando è tempo di mele tutto si trasforma, come per magia. La fioritura dei meli, infatti, appare come un mare bianco rosato che emana un delizioso profumo che fa da afrodisiaco. È proprio in questo periodo che viene organizzata la manifestazione Lana in Fiore, per far conoscere al mondo intero il potere dei meleti del territorio attraverso laboratori creativi, conferenze e corsi di cucina.

Meleti in fiore, Lana

Meleti in fiore, Lana

La preziosa arte della frutticoltura che appartiene a Lana da generazioni, è raccontata all’interno del Museo omonimo situato a Lana di Sotto, esattamente all’interno della residenza medievale Larchgut.

Un’area espositiva di 1000 metri quadrati racconta la storia di questo frutto antico, la sua evoluzione e la produzione. Ma non solo, un accento importante è posto sulla simbologia stessa del frutto con un percorso che porta il visitatore a scoprire la mela del paradiso, la mela della discordia, la mela di Afrodite, la mela di Steve Jobs, la mela in medicina e in elisir di bellezza, in cucina e in pittura.

museo della mela

Museo della frutticoltura, Lana

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il paese italiano in cui tutto sa di mela